Il M5S Ragusa interroga l’Amministrazione sull’iter di riqualificazione dello stadietto di Via delle Sirene

“Sullo stadietto di via delle Sirene a Marina di Ragusa ci sarebbe parecchio da dire. Soprattutto perché era stato avviato un progetto di riqualificazione che, però, almeno per il momento, non ha ancora visto la luce. Per cui chiediamo: che fine ha fatto questo percorso?”

E’ il consigliere comunale M5s Alessandro Antoci a rivolgere una specifica interrogazione all’amministrazione Cassì sottolineando che, nell’attesa, sarebbe opportuno mettere in sicurezza l’area accessibile a tutti in quanto i cancelli sono aperti mentre lo stato in cui si trova l’impianto è assolutamente da censurare.

“Ritengo che il Comune – continua Antoci – sia chiamato a preservare i propri immobili anche se questi si trovano in una situazione di abbandono. Tutto ciò, ovviamente, per evitare che il degrado aumenti. Tra l’altro, ci troviamo a due passi da una delle più importanti strutture ricettive di Marina e questo stadietto non è certo un bel vedere”.

Il consigliere Antoci, poi, aggiunge: “Se da privato cittadino possiedo un immobile ma al momento non ho i fondi per ristrutturare, che cosa faccio? Semplice. Lo metto in sicurezza, chiudo la porta, non permetto a nessuno di entrare liberamente e distruggere tutto perché le spese per ristrutturare, altrimenti, aumenterebbero. Perché non fa questo anche il Comune? Sollecitiamo il sindaco a intervenire e l’assessore competente a mettere in sicurezza i luoghi oltre ad accelerare l’iter per la riqualificazione”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI