“Ciuri Ciuri”: storia e testo di una delle canzoni siciliane più amate

“Ciuri Ciuri” è senza ombra di dubbio una delle canzoni siciliane più famose, per non dire la più famosa. Il repertorio musicale della Sicilia è molto vasto ed è fatto di canti d’amore, ma anche di canzoni che raccontano la quotidianità, le vicende più o meno belle dell’esistenza. I ritmi vivaci e allegri si alternano a melodie struggenti e commoventi.

Quando parliamo di Ciuri Ciuri, facciamo riferimento a una melodia allegra, che fa venire voglia di ballare.

Il titolo, tradotto, significa “Fiori Fiori”. Esistono davvero molte versioni, cantante da numerosi artisti, con i testi che possono variare da un’area geografica all’altra. A seconda dei dialetti, la parola “çiuri” può diventare anche “sciuri”. La versione originale, però, è di Francesco Paolo Frontini, famoso compositore e direttore d’orchestra catanese, che la scrisse nel 1833.

Il brano, nel tempo, è stato reinterpretato da molti artisti, come Fiorello, Mina (in Extra Mina Vol. 1 e Signori… Mina! vol. 3), o Roy Paci & Aretuska in (Tuttapposto), nonché da Otello Profazio noto cantautore calabrese.

Nel 1964 Gabriella Ferri e Luisa De Santis ne hanno inciso una rielaborazione dal titolo Sciuri Sciuri (Ferri-De Santis).
Il duo di Dj tedeschi, Bodybangers, ha pubblicato una versione EDM del brano nel dicembre 2018.

Il ritornello recita:  “Ciuri, ciuri, ciuri di tuttu l’annu, l’amuri ca mi dasti ti lu tornu” che tradotto significa “Fiori fiori, fiori di tutto l’anno, l’amore che mi hai donato io lo ricambio”.

Ciuri Ciuri”, Testo Siciliano

Ritornello
Ciuri ciuri ciuriddi tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu
Ciuri ciuri ciuriddi tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu.

Ciuri di gersuminu e rampicanti
nun cantu né p’amuri e né p’amanti
nun cantu né p’amuri e né p’amanti
cantu pi ralliarimi la menti.
Ritornello

Lu sabatu si sapi è allegra cori,
biatu cu àvi bedda la muggheri,
cu l’àvi bedda ci porta li dinari.
cu l’àvi brutta ci mori lu cori.
Ritornello

Ciuri ciuri ciuriddi tuttu l’annu…
Si troppu dispittusu tu ccu mia
cascu du lettu su mi ‘nsonnu a tia,
si bruttu ‘nta la facci e ‘nta lu cori
cu tia ju’ non mi vogghiu maritari.
Ritornello

Ciuri di rosi russi a lu sbucciari
amara a cui li tò paroli criri.
L’omini siti tutti munsignari
jù non ti vogghiu no! Ti nni pò iri.
Ritornello

La me vicina e’ vucera pazza
nun si la chiuri mai la so vuccuzza
nun si la chiuri mancu si s’ammazza
conzala comu voi sempri e’ cucuzza
Ritornello

Cchiu’ ti taliu chiu’ diventu siccu
mi sentu cu la testa dintra un saccu
pi veni’ appress’a tia persi lu sceccu
e ora comu fazzu a cu accravaccu
Ritornello

Mi pozzu sciarriari cu me matri
picchi’ mi fici accussi curtulidda
li longhi sunnu tutti strarrieri
li curti sunnu di zuccaru e meli
Ritornello

Aiu ‘na zita ca si chiama Nedda
bedda di facci ma senza mirudda
ci dissi mi la dai ‘na vasatedda
mi dissi no, picchi’ manciai cipudda.
Ritornello

Ciuri ciuri ciuriddi tuttu l’annu…
Me soggira mi dici va travagghia
nun fari mali patiri a me figghia
quannu t’a detti iu era na quagghia
ora l’arriducisti na rarigghia.
Ritornello

Ciuri di rosi russi comu a sita
me figghia iu vulissi fari zita
giuvini beddu e riccu iu vurria
ca campa a me figghia e puri a mia.

 

da Sicilia sito web regionale

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI