“Confronto”. Parco degli iblei: “Necessita una ulteriore approfondita riflessione”

0
305

Parco degli Iblei: il preannunciato completamento dell’iter per la sua ipotizzata istituzione non può non tener conto delle perplessità più volte e da più parti manifestate dai soggetti direttamente interessati. Così come non possono essere sottovalutate le preoccupazioni e le posizioni contrarie dei tanti proprietari dei terreni e degli immobili ricadenti nelle aree individuate e delimitate e dei tanti ricorsi e delle motivate opposizioni dei cittadini e degli imprenditori oltre che delle Organizzazioni delle Categorie Agricole che si sono motivatamente mosse a difesa dei legittimi interessi degli agricoltori e degli allevatori le cui aziende rischiano di essere incluse nell’area parco. Gli imprenditori infatti temono la mummificazione del territorio e comunque l’ulteriore burocratizzazione, già insostenibile, delle iniziative e delle attività che interessano le loro aziende.
“Confronto “ ha approvato un documento un documento, per sollecitare una necessaria serena riflessione sull’argomento e per chiedere un ulteriore indispensabile approfondimento sulla delicata materia, oltre che per sensibilizzare gli amministratori istituzionalmente competenti a rivedere quanto fin qui fatto per sottrarre il territorio degli Iblei da ogni ulteriore penalizzazione per chi su di esso ha investito, opera e produce. L’associazione ritiene infatti che per la istituzione di un parco occorrono presupposti ambientali e climatici per nulla presenti, tranne qualche isolata eccezione, nel territorio ibleo.
“Incontreremo i responsabili della ex Provincia Regionale per capire gli orientamenti in vista dell’incontro del 17 luglio e solleciteremo la convocazione di un incontro prima della riunione di Roma. Chiederemo che si tenga in debito conto delle preoccupazioni che accompagnano la posizione e l’azione della nostra associazione e di quanti si sono dichiarati sin dal primo momento contro la istituzione di un parco su un’area tanto vasta quanto naturalmente inidonea, perché priva di qualsivoglia vocazione . Siamo impegnati nel rilancio delle attività imprenditoriali e zootecniche del nostro territorio. Torneremo a chiedere la difesa dei nostri carrubbeti e la valorizzazione dei muri a secco ma non possiamo pensare, in un comprensorio con tante zone intensamente abitate e con tante attività economiche che hanno contribuito a fare di Ragusa “un’isola nell’isola” alla istituzione di un parco utile solo ad ulteriormente ingessare un territorio meritevole di ben altra attenzione”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

quindici − 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.