Presentato a Ragusa il progetto svizzero We+Care: app gratuita crea un network tra pazienti, familiari e caregivers

Un network assistenziale per pazienti e familiari. Si chiama We+Care ed è il nuovo sistema di empowerment che è stato presentato la scorsa settimana alla sede di Medi Care, la cooperativa sociale ragusana specializzata nei servizi di assistenza socio-sanitaria, coinvolta come primo partner italiano. Presenti il Sindaco di Ragusa, Giuseppe Cassì; la dottoressa Maria Rosa Guastella in rappresentanza del Libero Consorzio Comunale di Ragusa; il dottor Luciano Carnazza e il dottor Luca Giurdanella per l’ASP di Ragusa; Nello Aprile in rappresentanza di Medi Care, oltre che il dottor Emanuele Lopresti e Gianni Gulino di Confcooperative e i rappresentanti di alcune associazioni operanti nel territorio ragusano.
Il progetto We+Care, sviluppato dall’Associazione svizzera Pro Aidants e già in fase di sperimentazione in alcune aree della Svizzera tedesca, è un sistema per lo sviluppo e la gestione di un network tramite un’apposita app che consente a coloro che hanno bisogno di assistenza e ai loro familiari di organizzare e armonizzare le cure, offerte sia da professionisti che da volontari, riducendo così tempi e costi. In particolare il progetto permette ai caregiver anziani e informali di diventare “self organised caregivers” e in questo modo favorire la creazione di una rete sociale essenziale per organizzare e coordinare il supporto, l’assistenza sociale e quella sanitaria.
“Siamo molto orgogliosi di presentare questo innovativo progetto che vede Medi Care in qualità di unico partner italiano – commenta Nello Aprile – In un mondo in cui il grande cambiamento demografico in corso rende insufficienti e insostenibili i servizi di assistenza già esistenti, è necessario un nuovo paradigma basato sulla gestione dei dati e sull’innovazione culturale e tecnologica in ambito sociale. Il sistema We+Care – conclude – permetterà quindi di collegare le persone che hanno bisogno di assistenza e i loro familiari con volontari, accompagnatori e professionisti e così aiuterà a migliorare i servizi disponibili per le persone bisognose di supporto e per i loro caregivers”.
A breve al via la fase sperimentale del progetto che potrà essere usufruito dalla cittadinanza coinvolta tramite un’app gratuita.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI