Le ferite ancora aperte inferte dalla spending review, i commissariati di polizia in sedi vecchie e inadeguate: il Siulp incontra il Prefetto di Ragusa

Ieri una delegazione della Segreteria Provinciale del Siulp (Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia) Ragusa, capitanata dal Segretario Generale Provinciale SIULP, Flavio Faro, è stata ricevuta dal Prefetto di Ragusa, Filippina Cocuzza.
L’incontro è stato richiesto dalla Organizzazione Sindacale più rappresentativa della Polizia di Stato, al fine di portare all’attenzione del sig. Prefetto, le istanze e le difficoltà che affrontano giornalmente i poliziotti della provincia iblea.
Il Segretario Generale Faro, dopo aver ampiamente affrontato in maniera costruttiva la generalità dei problemi che coinvolgono la Polizia di Stato e l’intero comparto sicurezza segnato dalle profonde ferite ancora aperte inferte dalla spending review, ha focalizzato alcune difficoltà che interessano specificamente i poliziotti della provincia di Ragusa esternando al Prefetto l’annosa problematica riguardante le sedi dei Commissariati distaccati della Polizia di Stato di Comiso, Modica e Vittoria, ormai vecchie e inadeguate che non possono essere un degno posto di lavoro per i poliziotti né tanto meno rappresentare in maniera decorosa delle sedi istituzionali frequentate giornalmente da centinaia di cittadini.
“Chiedo Prefetto di sensibilizzare i vertici delle amministrazioni locali, i Sindaci ed i Commissari Straordinari per la città di Vittoria, affinché possano offrire alternative valide alle attuali situazioni logistiche dei Commissariati per garantire dignità non solo ai colleghi che ivi lavorano ma anche e soprattutto all’istituzione della Polizia di Stato” ribadisce FARO che nel corso dell’incontro ha altresì evidenziato un’altra bizzarra problematica che negli ultimi mesi interessa le tasche dei poliziotti ovvero la seria difficoltà di spendere in maniera libera e senza condizionamenti di alcun genere, i ticket restaurant presso gli esercizi convenzionati. “Tali buoni pasto, – specifica Faro – vengono elargiti a tutti i lavoratori della Questura che per motivi legati al servizio, sono costretti a lavorare durante l’orario di pranzo o di cena. Da qualche tempo – afferma il sindacalista – qualche esercizio commerciale convenzionato, sembrerebbe che abbia unilateralmente modificato le condizioni previste dalla convenzione accettando in maniera parziale o comunque con modalità del tutto discutibili, i ticket.”
Le motivazioni che hanno portato a ciò saranno di certo di natura economica e dovuti alla elevata percentuale di commissioni, ai costi di gestione afferenti l’erogazione, la stampa e la distribuzione dei ticket che ricadono sul loro valore nominale; digitalizzare i suddetti ticket attraverso l’emissione di una carta magnetica personale su cui caricare le spettanti indennità, potrebbe abbattere i costi evitando queste fastidiose autodeterminazioni da parte di alcune aziende che proprio a causa di queste spese, potrebbero rinunciare alle convenzioni nonostante queste rappresentino di certo strategie di marketing favorevoli.
“Quello che chiedono i poliziotti – riafferma Faro – è la chiarezza di sapere dove poter spendere senza qualsivoglia condizionamento i ticket che mensilmente vengono elargiti agli stessi”
Il Prefetto ha assicurato la massima disponibilità per l’individuazione di un percorso virtuoso che conduca alla risoluzione delle questioni prospettate anche attraverso il coinvolgimento degli altri attori pubblici e privati interessati.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI