“La legge di bilancio più complessa degli ultimi 20 anni”: a Ragusa appuntamento formativo dell’Associazione Nazionale Commercialisti

0
623

“Probabilmente è la legge di bilancio più complessa dell’ultimo ventennio perché imbarca una serie di provvedimenti che spaziano in vari ambiti. E’ una norma complicata perché in realtà gli interventi sono una ventina, un unico articolo, 1.143 commi e una difficoltà enorme per rintracciare i singoli provvedimenti”. Giudizio tranciante e caustico quello arrivato ieri pomeriggio dall’esperto Ernesto Gatto che ha dato il via al primo degli appuntamenti formativi, tenutosi al centro studi Feliciano Rossitto, promossi per quest’anno in provincia di Ragusa dall’Associazione nazionale commercialisti.
Ad aprire i lavori il presidente di Anc Ragusa, Rosa Anna Paolino, che ha spiegato come “gli incontri di approfondimento non potessero non partire dalle novità concernenti la legge di bilancio 2019 e il decreto fiscale. Ancora una volta – ha aggiunto – ci siamo affidati a un professionista come Ernesto Gatto, che tra l’altro è rappresentante per l’Italia a Bruxelles presso la Federations des experts comptables europèens nella commissione Imposte indirette, per consentire ai colleghi di entrare più nel dettaglio tra le pieghe della legge. Questo, in più, per la nostra associazione, è un anno molto particolare perché ospiteremo a maggio, a Scicli, il convegno nazionale”. In apertura dei lavori, al tavolo dei relatori per i saluti istituzionali, anche il presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Ragusa, Maurizio Attinelli. Gatto ha poi chiarito meglio i concetti cardine della legge di bilancio 2019.
“Che parte – ha sottolineato – dal tentativo di rimettere in gioco contribuenti che hanno avuto avvisi di accertamento e cartelle esattoriali (e il solo ambito della pace fiscale è composto da nove condoni, chiamiamoli con il nome che meritano, tutti diversi tra di loro) all’estensione del regime forfettario anche a soggetti, dal punto di vista del movimento economico, di medie dimensioni: in particolare lo diventeranno, se lo vorranno, coloro i quali in un anno hanno incassato meno di 65mila euro”. Ecco perché questo allargamento della platea necessita di approfondimenti molto dettagliati. “Poi – ha chiarito Gatto – ci sono le buone notizie e cioè la possibilità per le imprese, anche in contabilità semplificata, di riportare in avanti le perdite. Sino all’anno scorso e storicamente ciò non è mai stato consentito. Le perdite delle semplificate dovevano essere compensate orizzontalmente sennò andavano perdute. Da quest’anno potranno essere portate in avanti. A corollario di queste tre macro aree, c’è tutta una serie di microinterventi; ad esempio il raddoppio dell’Imu deducibile sui capannoni e sugli immobili commerciali per le imprese ma anche degli studi professionali per i professionisti; nuovi regimi forfettari per gli insegnanti, titolari di cattedra, che danno ripetizioni o lezioni private: avranno un regime sostitutivo al 15% che permetterà loro di non cumulare i redditi che derivano dal rapporto della scuola a cui appartengono”.
L’esperto ha intenso puntare l’attenzione su un aspetto: “In altri tempi la Legge Finanziaria era composta di capitoli (Sanità, Istruzione, Previdenza, Assistenza, Fisco) per cui rintracciare i singoli provvedimenti era più facile. Ora, invece, è un problema enorme per chi vuole leggere la norma e non si accontenta, come deve fare un professionista, dei titoli dei giornali. La legge di bilancio mette a punto, altresì, la fatturazione elettronica, l’argomento più caldo di tutti, che ha sfumature tecniche ma anche sfumature organizzative per quanto riguarda la gestione di uno studio professionale. Sfumature organizzative che possono addirittura decretare la sopravvivenza o la decadenza dello studio. Chi non si saprà organizzare nel mondo digitale, infatti, sarà espulso dall’arena professionale”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

tre + sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.