E’ italiana un’importante scoperta sulla longevità… di Francesco Roccaro

0
1019

Piero Carninci e Giovanni Pascarella sono i due scienziati italiani che hanno lavorato nel gruppo giapponese ubicato presso “ l’Integrative Center for The Medical Sciences “ di Yokohama. Grazie ad un innovativo studio curato proprio dal gruppo di scienziati del Sol Levante, è stata fatta un’importante scoperta sul “ segreto degli ultra-centenari ”. E’ stato osservato infatti , tramite fantascientifiche tecniche d’indagini, che uno dei segreti della longevità è nascosto nel sistema immuno-competente. Sono stati proprio i nostri due ricercatori italiani, analizzando una casistica su diversi individui che avevano compiuto 110 anni, a scoprire come l’ extra-longevità è in larga parte legata in una ‘espansione’ delle cellule T delegate , come sappiamo, in effetti a sopprimere molte cellule ritenute, dal sistema immunitario stesso, infette o anomali. In poche parole, gli ultra-centenari , hanno studiato i nostri ricercatori, nella maggior parte dei casi trascorrono gran parte della loro esistenza in condizioni di buona salute, e ciò fa pensare che il loro sistema immunitario conserva la forza necessaria per lottare molti tipi di infezioni e forme tumorali. Lo studio è stato pubblicato su diverse prestigiose riviste e dalla ‘Proceedings of the National Academy of Sciences’ (Pnas). Fino alla pubblicazione di questo studio le cellule immunitarie negli ultra-centenari non erano mai state così precisamente studiate ed analizzate. Gli scienziati hanno pluri-sequenziato l’Rna di quasi 62.000 cellule immunitarie scegliendole su 7 individui super-centenari e le hanno confrontate con quelle di 5 individui partecipanti di controllo, con un’ età compresa tra i 50 e gli 80 anni. I ricercatori quindi hanno ritrovato su questi 7, una percentuale più alta di cellule specifiche di tipo T ( citotossiche CD4) rispetto al gruppo di controllo ( 5 individui). Questa notazione è stata la vera scoperta sensazionale dello studio, in quanto solitamente le cellule T CD4 hanno funzioni di aiuto per il sistema , ma mai citotossiche in condizioni fisiologiche normali. Dunque, secondo gli scienziati, questa trasformazione delle cellule “ T CD4 aiutanti ” in una mutazione realmente” cellulo-tossica” “potrebbe essere innescata da un accomodamento che sarebbe proprio della fase avanzata della senescenza cellulare dell’individuo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

4 − uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.