Modica. Revocato lo sciopero degli operatori ecologici

Tempo di lettura: 2 minuti

Con una nota sindacale congiunta CGIL – CISL – UIL è stata comunicata la revoca dello sciopero degli operatori ecologici di Modica previsto inizialmente per la giornata del 14 luglio. La revoca è arrivata a seguito di una comunicazione emanata dalla IGM in cui si evince l’avvenuto pagamento della mensilità di maggio e la rassicurazione circa l’erogazione entro il 20 luglio della XIV mensilità e del 50% del mese di giugno. Inoltre, secondo il cronoprogramma, entro il 5 di agosto verrà corrisposta anche la seconda parte di giugno. A conclusione della lettera, la IGM si impegna, nell’immediato futuro, alla normalizzazione di tutti i pagamenti. “La normalizzazione dei pagamenti di per sé – commenta il Sindaco di Modica Abbate – non dovrebbe rappresentare una notizia ma appunto la normalità. Posso comunque affermare che, pur tra mille difficoltà, nella storia recente della Città di Modica i pagamenti agli operatori ecologici sono sempre avvenuti con una certa costanza e regolarità, tranne rare eccezioni. Apprezzo la scelta di revocare l’astensione dal lavoro per il 14 luglio per non andare a peggiorare ulteriormente la situazione rifiuti in Città, già precaria per colpe che non possono essere attribuite all’Amministrazione o alla Ditta che gestisce il servizio. Voglio infine ringraziare gli uffici competenti per aver sciolto i nodi legati al rapporto economico con la IGM. In questo modo potremo garantire un futuro più sereno a tutti i lavoratori ”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI