Aggiudicati lavori dune della Macchia foresta del fiume Irminio

Tempo di lettura: 2 minuti

Sono stati aggiudicati all’impresa Cogeca srl di Agrigento i lavori relativi all’intervento di protezione del litorale e ricostituzione delle dune della Riserva Naturale ‘Macchia foresta del fiume Irminio’. Il progetto è stato finanziato dall’assessorato regionale al Territorio e Ambiente a valere sui fondi PO Fesr Sicilia 2014-2020 per un importo complessiva di 82 mila e 400 euro ma è stato aggiudicato all’operatore Cogeca di Agrigento per un importo di 50 mila e 721 euro con un ribasso del 20,66% su una base d’asta di 61 mila e 450 euro.
L’iter progettuale ha avuto un iter veloce, se si considera che il Commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa ha approvato il progetto esecutivo lo scorso 3 febbraio e che il 3 giugno è stato disposto l’avvio di tutte le procedure amministrative per lo svolgimento della gara di appalto per l’affidamento ad un soggetto qualificato dei lavori di cui trattasi e che lo scorso 3 luglio è stata espletata la gara in oggetto con la proposta di aggiudicazione dei lavori.
Il progetto è stato redatto da un gruppo di lavoro interno al Libero Consorzio Comunale di Ragusa composto dalla direttrice delle Riserve, Carolina Di Maio, dall’agronomo e progettista nonché direttore dei lavori Roberto Cundari e da Marco Battaglia, Antonio Diquattro e Maria Grazia Vindigni ed è finalizzato alla conservazione dell’habitat prioritario delle dune costiere con ginepro mediante la protezione del cordone dunale stabilizzato, privo dell’avanduna deputata al rifornimento di sedimento della duna e pertanto soggetto alla demolizione ed erosione ad opera delle mareggiate o interessato da fenomeni di deflazione eolica e dilavamenti. Il progetto che verrò realizzato con la costruzione di barriera basale in viminata e schermi frangivento, piantumazioni ed eradicazioni punta a favorire la ricostituzione delle dune presenti in alcune aree verso levante attualmente poco sviluppate e non consolidate dune embrionali mobili; al contenimento di specie esotiche le cui proprietà invasive possono contribuire ad alterare le comunità psammofile autoctone; all’implementazione della copertura vegetale ove scarsa o assente. L’area interessata all’intervento ricade lungo la costa delle contrade Gravina, Passo Forgia di Scicli fino al vallone Playa Grande, territorio di Ragusa e Scicli.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI