Scioglimento comune di Scicli, scoppia il caso

1
1176

Basiti e con l’animo molto inquieto per l’affermazione fatta dal consigliere Claudio Caruso nel corso del dibattito di ieri sera in consiglio comunale sul tema dello scioglimento del civico consesso. Il movimento Cittadini per Scicli manifesta incredulità per l’espressione
“accordo su una dimissione in massa dei consiglieri comunali per evitare lo scioglimento del civico consesso”. “Come se quell’accordo avrebbe affrancato chissà chi dal decidere lo scioglimento che dipende da altri fattori e motivazione – commentano quelli di Cittadini per Scicli – . Quell’accordo appare come una scheggia di verità che potrebbe aprire scenari nuovi mai svelati, in quanto pervicacemente blindati, sulle vere cause dello scioglimento del civico consesso per infiltrazioni mafiose.

La frase è stata espressa a motivo di un intervento di un nostro consigliere in cui, con coerenza e fermezza, aveva enunciato quello che abbiamo sempre pensato, ovvero che c’è stato in città un partito e rappresentanti politici iscritti al movimento dello scioglimento, come sempre sostenuto dal Sindaco come ribadito nella stessa seduta, e chi invece fronteggiava come poteva la difesa della dignità e della onorabilità dei cittadini sciclitani”.

Le affermazioni del consigliere Claudio Caruso, insomma, inquietano. All’epoca l’interessato rappresentava il PD in consiglio comunale che a Scicli aveva un’autorevole rappresentante del parlamento italiano, la senatrice, Venerina Padua.
“La parola “accordo” va spiegata e svelata perché presuppone quinte e scenari inquietanti che potrebbero fare piena luce su quanto accaduto in quei mesi e su una fase della vita politica in cui Scicli fu scippata dalle istituzioni democratiche, con un sindaco poi costretto alle dimissioni”.

Chi propose quell’accordo? Chi faceva parte di quell’accordo? Per quale vera ragione fu necessario raggiungere quell’accordo? Chi era il garante di quell’accordo? Quali i sodali di quell’accordo pensato e architettato ai danni della città?

“Sono domande queste che necessitano una risposta chiara e inequivocabile e facciamo appello alla sensibilità politica e ideale del Sindaco, nella qualità di primo cittadino, e quindi di garante esclusivo del presidio istituzionale della Città come suo unico rappresentante politico e legale, perché chieda conto e ragione a chi sa cosa sia accaduto in quel tragico e recente passato”.

1 commento

  1. “La Verita è simile ad una piramide sepolta ,di cui spesso non se ne intravede il vertice . . e per farla emergere bisogna scavare-scavare ed ancora scavare”.
    Cosi il compianto Carmelo avv. Scarso in un’arringa degli anni ’90 presso il Tribunale di Modica

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

due × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.