Omicidio di Modica, arrivano i Ris di Messina nell’appartamento di Peppe Lucifora – VIDEO

1
3780

Sono arrivati i Ris di Messina per gli accertamenti nell’appartamento di Via Gaetano Modica, al Quartiere Dente, di Modica per scavare sulla morte del cuoco Peppe Lucifora di 58 anni. I carabinieri del reparto investigazioni scientifiche erano accompagnati dal capitano Franco Ferrante, comandante della locale Compagnia(presente anche l’avvocato Ignazio Galfo che rappresentava la famiglia della vittima) e si sono subito messi al lavoro alla ricerca di tracce o, comunque, elementi utili alle indagini che portino a scoprire l’assassino o gli assassini dell’uomo, dopo la droga ritrovata nelle scorse ore che, per l’esigua quantità, si riconduce a consumo personale(ma non è detto che ne facesse uso la vittima). Si scava nella vita privata di Lucifora che nei giorni precedenti, sarebbe stato visto in Viale Quasimodo, in un bar, insieme a due uomini. Su questi due sono puntati parte dei riflettori degli inquirenti anche perchè appare strano che, vista l’eco della vicenda e considerato che sono stati tirati in ballo più volte, non si siano spontaneamente(almeno così sembrerebbe)presentati agli inquirenti per chiarire la loro posizione e, magari, fornire  abili attendibili?. Altro aspetto strano della vicenda è il fatto che nessuno della palazzina dove si trova l’appartamento(all’ultimo piano) abbia sentito urla ma, solo qualcuno, rumore di mobili spostati?. E’ mai possibile che Peppe Lucifora non abbia gridato, come fa ogni essere umano quando viene picchiato, viste, peraltro, le lesioni riportate?

L’autopsia ha chiarito che l’uomo è stato ucciso ed è morto per asfissia provocata meccanicamente. Gli accertamenti autoptici sono stati eseguiti oltre che dal medico legale Giuseppe Iuvara, anche dal tossicologo forense Pietro Zuccarello.

In atto anche lo studio dei dati dal tablet dell’uomo che potrebbe permettere di ricostruire i contatti della vittima. Ancora non rinvenuti il telefono e le chiavi con le quali l’assassino avrebbe chiuso la porta della stanza dentro la quale Lucifora è stato trovato cadavere.

 

 

1 commento

  1. La conferma che le FF. OO. brancolano nel buio.
    Dopo che nell’appartamento sono entrati cani & porci, contaminando l’ambiente, arriva il RA.C.I. S.
    Si, come no…!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

5 + 16 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.