Scherma. Il modicano Giorgio Avola vince il titolo italiano a squadre con le Fiamme Gialle

1
941

Dopo una prova individuale sottotono, pronto riscatto per lo schermidore della Conad Scherma Modica Giorgio Avola al Campionato Italiano Assoluto svoltosi a Palermo lo scorso fine settimana, dove si è laureato Campione Italiano con la squadra delle Fiamme Gialle, assieme ai finanzieri compagni di squadra Daniele Garozzo, Valerio Aspromonte e Guillaume Bianchi. Dopo i primi turni preliminari superati senza problemi, in semifinale primo vero ostacolo per la squadra delle Fiamme Gialle, contrapposti ai Carabinieri del neo Campione Italiano Andrea Cassarà. Partiti in svantaggio dopo il primo giro di incontri, è stato il 9/3 inflitto da Avola al carabiniere Guerra a riportare in vantaggio le Fiamme Gialle, e soprattutto nel match di chiusura sempre Avola bravissimo a chiudere per 5/4 stoppando il tentativo di recupero di Cassarà. La finale svolta nel suggestivo scenario di piazza Bellini, vedeva contrapposti le Fiamme Gialle alle Fiamme Oro. Anche qui una grande prestazione di Avola che con il 5/3 al poliziotto Ingargiola prima, e il 7/3 a Luperi nel secondo match contribuiva in maniera determinante a giungere all’assalto di chiusura con un vantaggio rassicurante. Qui subiva il tentativo di rimonta del giovane poliziotto Marini prima di chiudere per 43/41 a suo favore e consegnando il secondo titolo italiano a squadre consecutivo, dopo quello del 2018, alle Fiamme Gialle.
Questo risultato fa da buon viatico alla convocazione di Avola per gli imminenti Campionati Europei Assoluti di Dusseldorf, che vedrà la prova maschile individuale lunedì 17 giugno e la prova a squadre giovedì 20; Europei che segnano altra importante tappa nel percorso di qualificazione olimpica per Tokyo2020.
A Palermo la Conad Scherma Modica era presente anche nelle prove paralimpiche, con Leonardo Napolitano nella spada maschile cat. C fermato ai quarti di finale dal padrone di casa William Russo. Nella prova di spada maschile non vedenti Antonio Carnazza, quinto classificato finale, veniva fermato anch’esso per l’accesso al podio dal friuliano Chinese per 8/10.

1 commento

  1. Quando vinse la medaglia d’oro alle olimpiadi volevo fargli i miei complimenti, lo incontrai al corso ed insieme a mio figlio mi avvicinai per salutarlo, il signore mi evitò con superbia lasciandomi con la mano tesa e con il bambino delusissimo. Giorgio siamo tutti felicissimi per i tuoi grandi risultati però per favore scendi dal piedistallo o a Modica non sarai ricordato per la tua bravura anzi…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

1 × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.