Denuncia del Codacons: “I cartoni per le pizze contengono un sostanza nociva per l’uomo”

1
1205

Il Codacons ha annunciato la presentazione di un esposto sulla presunta presenza di bisfenolo nei cartoni per la pizza, un’ipotesi denunciata da un’indagine del settimanale “Il Salvagente”. L’associazione di tutela per i consumatori lo farà in 104 Procure italiane e ai carabinieri del Nas chiedendo chiedendo che siano accertati i rischi per la salute umana.

«L’indagine del settimanale Il Salvagente ha evidenziato tracce di sostanze nocive per l’uomo in due imballaggi della pizza su tre – spiega il Codacons -. Il bisfenolo, stando ai risultati dell’inchiesta, si trasferisce dall’imballaggio all’alimento, finendo poi per essere consumato e ingerito dagli utenti. Le analisi di laboratorio sui cartoni della pizza hanno accertato una concentrazione elevata di Bisfenolo, superiore a quella consentita per i contenitori in plastica, e la «traccia» che i cartoni esaminati sono stati prodotti con carta riciclata, vietata dalla legge per la pizza».
Il bisfenolo, comunemente chiamato Bpa, è una sostanza classificata come interferente endocrino in grado di alterare l’equilibrio ormonale e il metabolismo dell’organismo. È molto diffuso perché viene utilizzato nei rivestimenti di bottiglie riutilizzabili per bevande, per piatti e tazze ed è presente in tracce anche nei rivestimenti di lattine per bibite, nonché nella carta termica degli scontrini.

1 commento

  1. Spero stavolta che non si tratti del solito allarmismo all’italiana, si lancia uno strillo di stampa per richiamare i lettori e non ci si documenta a sufficienza. In Italia i cartoni pizza debbono essere realizzati con carta vegetale al 100% e se usati anche come veicolo pubblicitario, vanno stampati con inchiostri a base d’acqua e senza metalli pesanti. Tutti i cartoni pizza che non corrispondono a queste caratteristiche sono fuorilegge, figuriamoci gli eccessi che voi correttamente segnalate prodotti da scatolifici esteri. Ovviamente i player del settore sono tanti e la tentazione di guadagnare di più utilizzando materia prima riciclata è tanta, ma basterebbero controlli più serrati per debellare il malaffare. Scusate per l’enfasi, ma lavoriamo tutti, noi ed i nostri dipendenti, da mattina a sera e vedere che a causa di qualche mela marcia, l’intero settore per la produzione di box pizza viene bollato in questo modo, mi fa rabbia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

5 × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.