Ragazze ragusane insultate a Parma…”Terrone di merda..”

2
1518

Si erano sedute al tavolo di una pizzeria nella zona dello stadio “Tardini” di Parma ma sono state raggiunte da alcuni giovani fra i trenta e i trentacinque anni, che hanno iniziato ad insultarle pesantemente. “Terrone di m…, saranno sbarcate a Lampedusa con i neri”, una delle frasi a scopo razziale.
Vittime due ragazze originarie del ragusano ma da anni residenti in Emilia Romagna per lavoro che, onde evitare peggiori conseguenze, hanno “tolto le tende” e si sono allontanate senza replicare. Il tutto sarebbe nato per un interesse di alcuni ragazzi del gruppo verso le giovani che si erano, però, dimostrate disinteressate. Da lì sarebbero, poi, partiti gli insulti. “Per non essere scortesi – racconta Cecilia, originaria di Scicli – gli abbiamo parlato della zona in cui lavoriamo, poi, però, per troncare la discussione abbiamo specificato che non ci intendiamo di calcio». I tre avrebbero continuato a provare l’approccio ma quando hanno capito che non c’erano spiragli, prima hanno preso a definire le due ragazze delle snob, definite delle manager affermate. Non appena, però, hanno colto la provenienza, hanno cambiato registro.
Il sindaco di Parma sul proprio profilo Facebook ha stigmatizzato l’accaduto: «Questa non è la Parma che conosco io. Chiunque abbia fatto questo, se confermato, è solo un razzista. Non rappresenta Parma, rappresenta solo la sua profonda e insulsa ignoranza».

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

2 Commenti

  1. Eccolo il vero volto dei leghisti razzisti e ignoranti che tanti terroni stanno sostenendo e votando…
    Chi li conosce bene come me li schifa, tanti o non li conoscono o hanno la memoria corta…

  2. Notizie che ci lasciano disgustati. L’omofobia in quelle zone o meglio in tutto il nord Italia, ha sempre regnato anche ai tempi dei nostri nonni e padri che andavano ad emigrare o cercar fortuna per un lavoro al nord della penisola. Pensate che fino ad ora per esempio, esistono cartelli di chi vende o affitta case con aggiunta sul cartello ” Non per i meridionali”. Perciò come dobbiamo comportarci noi gente del Sud? Niente, non facciamo nulla, purtroppo qui siamo un popolo di altruisti e per questo altruismo eccessivo che portiamo nel DNA accogliamo loro quando vengono a farci visita sempre con gentilezza e garbatezza con tanto di sorrisi ed un grande arrivederci.
    Poi quando vai da loro e dici che sei un siciliano, beh…. spero che ti imbatti con un altro siciliano, almeno lui ti comprenderà.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

10 − otto =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.