Tentativo di rivolta all’hotspot di Pozzallo. Ammatuna: “Il rischio denunciato sta verificandosi come previsto”.

3
1102

La città di Pozzallo si è sempre espressa in favore dell’accoglienza e della solidarietà in favore dei migranti, senza distinzione fra coloro che fuggono dalla guerra o dalla fame. Nessuna distinzione, quindi, fra chi ha bisogno. Soltanto un paletto è stato posto con chiarezza: il tutto deve avvenire nell’ambito della piena legalità. Siamo stati fra i primi a segnalare un mutamento della situazione, che deriva dalle nazioni di provenienza dei migranti, pur sapendo che si correva il rischio di strumentalizzazioni di parte, cosa che è puntualmente avvenuta. Abbiamo denunciato il problema dell’intensificazione di persone provenienti dalla Tunisia, afferma il Sindaco Roberto Ammatuna, che si sono dimostrate irrispettose di ogni regola dell’accoglienza, che hanno causato problemi all’interno del centro di accoglienza ribellandosi anche alle forze dell’ordine. Da parte del Ministro Minniti abbiamo avuto piena collaborazione, tant’è che per queste persone si è provveduto ad un rimpatrio veloce e non si è consentito loro di uscire dall’hotspot. Adesso però, con la chiusura del centro di Lampedusa, denuncia Ammatuna, la situazione è diventata più problematica: proprio oggi c’è stato all’interno dell’hotspot un tentativo di rivolta prontamente sedata dalle forze dell’ordine che hanno impedito la fuga ad alcuni riottosi, evitando anche il minimo problema alla cittadinanza. Non mi stancherò di elogiare l’impegno profuso dal Prefetto, dal Questore e da tutte le forze dell’ordine che quotidianamente svolgono, in maniera esemplare il loro compito. Purtuttavia è arrivato il momento che si intervenga ai massimi livelli per approntare una nuova strategia di contrasto a questa piccola parte di migranti, che rischiano di annullare quanto fino ad oggi è stato fatto per alimentare il clima di accoglienza e solidarietà. Occorrono rimpatri più veloci, interventi celeri, regole certe che consentano il mantenimento della pacifica convivenza fra cittadini e migranti. Ribadiamo ancora una volta, conclude il Primo Cittadino, senza possibilità di equivoci, che Pozzallo è e sarà la città dall’accoglienza, chiediamo però che quanto finora costruito non venga distrutto da pochi intolleranti.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

3 Commenti

  1. accogliere gente che scappa dalla guerra è una cosa, fare entrare certi soggetti è un’altra cosa. Mandateci i buonisti all’hotspot per sedare gli animi…E qualche giorno fà i compagni hanno attaccato l’ex Ministro Minniti definendolo di destra, solo perchè era riuscito a dimezzare gli sbarchi… Mah!!!

  2. Sarà sempre peggio. Si arriverà allo scontro etnico. Le forze dell’ordine non riusciranno a contenere i riottosi e con questi sicuramente non ci sarà una Bolzaneto. Se ne guardano bene.Questi non sono studenti o operai bastonati dalla Celere ma gente forte e pronta a tutto. Il problema si avvertirà quando anche i potenti avranno fastidi ma sarà troppo tardi. Infine perché non vi è accoglienza nelle strutture per i cittadini poveri? Questo è vero razzismo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome