La sostenibilità al centro del nuovo progetto Erasmus+dell’Istituto Principi Grimaldi di Modica

0
1081

“Conscious Consumers of Future” è il titolo di un nuovo progetto Erasmus+ KA2 di cui l’Istituto “Principi Grimaldi” è partner insieme a Francia, Portogallo, Turchia e Polonia. Quest’ultimo è anche il paese capofila che ha coordinato i lavori durante il primo Meeting Transnazionale tenutosi a Slupsk, città nel nord della Polonia, a ridosso del Mar Baltico. Dal 29 novembre al 1 dicembre i docenti Graziella Corallo e Raffaele Iacono hanno incontrato i rappresentati delle scuole coinvolte presso la scuola secondaria “Ogolnoksztalcacych”, una delle più prestigiose della regione per qualità di insegnamento e risultati finali. La scuola si distingue anche per la sua vocazione europeista: il “Social European Club” istituito al suo interno promuove la conoscenza dell’Unione Europea ed ha permesso agli studenti membri di vincere numerose competizioni a livello nazionale e internazionale.
Durante il Meeting, la coordinatrice polacca Maria Rządkowska ha illustrato il progetto, analizzando le varie fasi e assegnando i compiti ad ognuno dei paesi partner. Molte le attività previste e i prodotti da realizzare nelle varie scuole: workshop e presentazioni in PowerPoint inerenti al tema della sostenibilità (già peraltro integrato nei curricula dell’Istituto Grimaldi), questionari, magazine online, manuali di viaggio, creazione di un sito web e di un e-book, opuscoli, DVD e quant’altro necessario per la disseminazione sia a livello locale che nazionale e internazionale, attraverso l’uso della piattaforma eTwinning.

Riguardo alle mobilità, l’Istituto Grimaldi sarà il primo ad accogliere gli studenti e i docenti provenienti dalle scuole partner per il prossimo marzo. Durante la settimana di permanenza a Modica verranno proposte attività di insegnamento e apprendimento (LTTA) in cui i ragazzi saranno i protagonisti assoluti. Gli studenti delle classi seconde e terze, selezionati secondo criteri di disponibilità e merito, verranno adeguatamente preparati, al fine di condurre presentazioni della scuola, laboratori di cucina, corsi di italiano base, giochi e attività sportive inerenti al tema del subtopic “Healthy Living &Food& Sports”.
Nel frattempo, gli studenti entreranno in contatto tramite i social media con i loro pari, ragazze e ragazzi stranieri che verranno ospitati nelle loro case. A loro volta, essi saranno accolti dalle corrispondenti famiglie durante le altre settimane di scambio, che avverranno nel corso di due anni scolastici. L’ospitalità in famiglia svolgerà un ruolo importante nel miglioramento di alcune competenze chiavi, quali le abilità linguistiche e comunicative in generale, poiché i nostri ragazzi si troveranno a dover parlare inglese in qualsiasi momento della giornata. Il contatto diretto con altre persone aiuterà ad abbattere i pregiudizi e gli atteggiamenti xenofobici, a favore del dialogo interculturale, la tolleranza, la cooperazione internazionale e la promozione dei valori europei.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

3 × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.