Alla 5^ Edizione della Settimana del Pianeta Terra presente l’ Istituto Principi Grimaldi” – alberghiero, agrario, ottico –

0
1105

L’Istituto “Principi Grimaldi” di Modica ha aderito alla 5^ edizione della “Settimana del Pianeta Terra” organizzando due iniziative di notevole importanza sotto il profilo didattico ed educativo.
Il primo evento, dal titolo “La Terra vista da un professionista: a scuola con il geologo”, promosso dal Consiglio Nazionale dei Geologi e dall’Ordine dei Geologi di Sicilia, con lo scopo di trattare in modo semplice ed efficace alcune importanti tematiche inerenti la corretta gestione del territorio, la conoscenza e la prevenzione dei georischi, con particolare riferimento al rischio sismico dell’area iblea. La giornata divulgativa, condotta dal geologo Vincenzo Giannone (docente dell’IPSSAR), è stata avviata alla presenza diMassimo Petralia, consigliere dell’Ordine Regionale dei Geologi di Sicilia,

che ha spiegato agli alunni lo spirito e le finalità di questa importante attività. E’ intervenuto anche il dirigente scolastico, Bartolomeo Saitta, il quale ha voluto sottolineare l’importanza di questa iniziativa nell’ambito delle attività che la scuola svolge per la formazione di cittadini consapevoli e responsabili.
L’esperienza formativa degli alunni è proseguita con la partecipazione al geoevento “Dentro il terremoto: percorso animato in realtà aumentata per la conoscenza e la riduzione dei danni non strutturali”, presso la sede dell’ Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Catania, accompagnati dai docenti Concetta Gilestro, Pinella Lapis e Vincenzo Giannone. Quest’attività, inserita nel progetto finanziato dalla Commissione Europea KnowRISK, ha lo scopo di aiutare la popolazione a ridurre danni non-strutturali causati dai terremoti. Gli alunni, grazie ad applicazioni in realtà aumentata, hanno seguito un percorso con speciali stand “animati” da suoni, immagini e video, che ha fornito esempi di danno sismico non strutturale sia all’interno che all’esterno degli edifici insieme ad alcuni semplici rimedi che ciascuno di noi può mettere in pratica per difendersi dai terremoti.
Gli alunni che hanno partecipato a queste attività svolgeranno un ruolo determinante nell’ambito di un progetto educativo rivolto all’intero Istituto, da attuare durante l’anno scolastico in corso, che ha lo scopo di promuovere le buone pratiche di protezione civile mediante la strategia educativa “peer education”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

diciotto − dieci =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.