340 turisti del Treno Barocco a Scicli. Domenica di festa, all’insegna del turismo accessibile

0
763

Hanno stentato a credere i turisti ipoudenti che domenica sono scesi dalle carrozze Centoporte del Treno Barocco. Quando hanno chiesto ai funzionari del Comune se esisteva una traduzione per loro, sono rimasti increduli nello scoprire che a Scicli i siti culturali sono gestiti anche da persone con problemi di udito che avrebbero parlato loro con la lingua dei segni.

Erano 340 i turisti che ieri mattino sono approdati a Scicli con il Treno Barocco. Si sono divisi in due gruppi. Quelli che hanno preferito il percorso storico artistico e quelli che hanno voluto percorrere le orme del commissario Montabano. La visita è stata caratterizzata dall’accessibilità dei siti alle persone con diverse abilità.
Giovani coppie con bambini piccoli, persone di mezza età, anziani. Siciliani, e turisti settentrionali. E’ stato un successo senza precedenti. Il capotreno ha dovuto dire un gentile No a quanti, a Noto, avevano tentato di salire in treno. Il sold out ha costretto una decina di passeggeri a viaggiare, per loro scelta, in piedi.
Soddisfatto il vicesindaco e assessore al turismo Caterina Riccotti: “Scicli si conferma all’avanguardia nella gestione del turismo e dei beni culturali, diventando un riferimento nel Paese”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

19 + sedici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.