Roma, ladri in casa del giornalista modicano Paolo Borrometi

4
3641

Ladri ignoti hanno rubato all’interno dell’appartamento romano del giornalista modicano Paolo Borrometi. Il corrispondente dell’Agi, che da qualche anno vive sotto scorta, ha subito il furto di documenti e di un hard disk. Sono in corso le indagini.

Solidarietà e’ stata espressa dal presiedente del Senato Pietro Grasso.
Anche l’europarlamentare Ignazio Corrao, e’ solidale. “Esprimo la mia solidarietà e la massima stima e affetto al giornalista siciliano Paolo Borrometi, vittima dell’ennesimo atto di viltà contro la sua persona e la sua attività. Il lavoro di Paolo fa onore alla sua categoria professionale ed alla sua Sicilia. Ma caro Paolo, il pensare che sei andato via per non rischiare la vita mi fa stringere un nodo in gola, mi evoca troppi ricordi che la Sicilia non può assolutamente permettersi. Noi lavoriamo a livello istituzionale e cerchiamo di toccare le giuste corde dei cittadini per muovere le loro coscienze, affinché vengano isolati i criminali, non la gente perbene come te. La cosa che sento di dirti è di non mollare, non lasciarti intimidire perché non sei solo”.
Solidarietà anche da parte della redazione di Radiortm.it.

4 Commenti

  1. Ho letto la notizia anche sul Corriere della sera. Pare che questa notizia sia stata veicolata da Crocetta. È chiaro che il furto sia mirato ad acquisire informazioni sui “movimenti” del giornalista come è altrettanto chiaro che gli autori del furto non sono riconducibili alle persone o famiglie già oggetto di inchieste dello stesso giornalista perché loro (i delinquenti) mirano ad un colpo di grazia e non un contrattacco di tipo investigativo. Quindi comincio ad avere molti dubbi. Solidale si, fesso no.

  2. Ammesso e non concesso :
    Per accedere alla posta privata od ai tabulati telefonici dei cittadini serve l’autorizzazione motivata ,per gravi sospetti di reati gravi , del Magistrato .
    Cosa ancora più complicata se il cittadino è un deputato od un senatore , per un cavaliere della Repubblica …apriti cielo ! !
    E se l’individuo è un giornalista ?
    Per sicuro il furto che resterà impunito per ovvio ragioni …permetterà al ladro ,od al committente di accedere alla notevole mole di informazioni e notizie contenute nello hard disk del giornalista .
    “A buoni intenditori poche parole”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

5 × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.