RaiUno. Ascolti di “Maltese il Commissario”, prima puntata da record: trionfo per Rossi Stuart. Nel cast una modicana, un ragusano e un comisano

1
2939

Esordio col botto per la fiction televisiva di RaiUno, in onda lunedì scorso. Gli ascolti di “Maltese – Il Romanzo del Commissario”, prodotto da Palomar, la stessa società del Commissario Montalbano, hanno fatto registrare il record stagionale televisivo della Rai dopo quelli dei nuovi episodi del Commissario Montalbano. Ieri sera il film è andato oltre i sette milioni di telespettatori, doppiando “Selfie”, il programma di Canale 5 condotto da Simona Ventura.
La prima puntata del poliziesco/noir che vede protagonista Kim Rossi Stuart(regia di Gianluca Maria Tavarelli), ha registrato 7.433.000 spettatori, pari al 30.25% di share.

La programmazione di RaiUno per la fiction Maltese – Il romanzo del Commissario, ambientato provalentemente a Trapani, in quattro puntate, prevede la messa in onda di due episodi settimanali: la seconda puntata della fiction (anticipazioni e promo) andrà in onda mercoledì 10 maggio in prima serata su Rai1. Tutti gli episodi sono disponibili in streaming su raiplay.it immediatamente dopo la messa in onda.
Nel cast tre attori iblei: la modicana Valeria Solarino, che interpreta Giulia Melendez, una giovane donna appartenente alla più facoltosa famiglia di Trapani, il comisano Mattia Dicara, che interpreta il commissario Dario Maltese da giovane, e il ragusano Roberto Nobile, già nel cast di Distretto di Polizia e de Il Commissario Montalbano.
La storia del commissario Maltese è quella di un uomo che si trova da solo a combattere contro qualcosa che a detta di tutti non esiste. La mafia è ancora considerata da molti come un’invenzione di scrittori e giornalisti, invece si sta rapidamente trasformando grazie all’enorme quantità di denaro che le arriva dal traffico di eroina. Maltese – Il romanzo del Commissario, prodotta da Rai Fiction e Palomar (la casa produttrice de Il commissario Montalbano) è ambientata a Trapani, nel 1976: Dario Maltese è fuggito dalla Sicilia molti anni prima, portando con sé un dolore lacerante e quando decide di tornare nella sua città, il suo migliore amico viene ucciso.

Così diventa il commissario capo della questura di Trapani, prendendo il posto dell’amico fraterno appena scomparso, e per lui inizia un lavoro estenuante: inizia a riannodare i fili, ad indagare portando alla luce verità scomode anche a costo di fare i conti con il suo passato e scoprire ciò che non avrebbe mai immaginato su di sé e la sua famiglia. L’unica gioia della sua vita è Noa, la figlia, con la quale, dopo un periodo di dolorosa lontananza, finalmente si ritroverà.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

quattro − tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.