Pista Ciclabile a Marina di Ragusa, Nicita (Lab 2.0): “Sei mesi dopo gli stessi problemi dal giorno dell’inaugurazione”

0
389

“A luglio dello scorso anno, pochi giorni dopo l’inaugurazione della pista ciclabile di Marina di Ragusa, segnalammo alla Polizia Municipale, alla Questura e alla Prefettura, la presenza di alcuni punti pericolosi. Nonostante un iniziale intervento dei vigili urbani e l’interessamento del Prefetto, nulla è cambiato”. Lo denunciano congiuntamente i Consiglieri comunali del Laboratorio politico 2.0, Sonia Migliore e Manuela Nicita.

“Dal un primo sopralluogo – dichiara in particolare Nicita – si è potuto appurare che c’erano delle evidenti situazioni di pericolo per l’incolumità dei cittadini: alcuni tratti della pista risultavano privi di parapetto e protezioni rispetto alla scogliera sottostante, in altri, invece, l’unica protezione consiste in un tubo posizionato a 30 cm da terra e che, tuttavia, non garantisce la sicurezza di nessuno e in nessun modo. Venne interessata la Polizia Municipale, che con un po’ di fettuccia ha segnalato l’area che appariva più pericolosa. Ovviamente nulla che risolvesse il problema. Ho personalmente inviato un esposto sia alla Questura che alla Prefettura e, proprio con una nota dall’Ufficio Territoriale del Governo il Comune, nella persona del primo cittadino, veniva informato del problema. Il Prefetto, inoltre, chiedeva di essere informato sulla faccenda. Era il 29 luglio e da quel momento non c’è stata nessuna risposta, né interventi di manutenzione. Il 24 gennaio 2017, sei mesi dopo insomma – racconta ancora Nicita – la Prefettura, con una nota del dr. Signorelli, ha dovuto reiterare la richiesta. Solo il 31 gennaio il dirigente del Settore V, Decoro urbano e Manutenzione, l’ing. Michele Scarpulla ha finalmente risposto agli inviti provenienti dal Palazzo di Governo: “Si comunica che entro il prossimo mese di marzo e comunque prima dell’inizio della nuova stagione estiva, il servizio viabilità sarà nelle condizioni di poter mettere in sicurezza i tratti della pista ciclabile considerati punti critici”. Benissimo, ma all’ing. Scarpulla il “richiamo” dalla Prefettura non è andato giù e aggiunge “Si evidenzia, comunque, che le criticità segnalate erano tali anche precedentemente la realizzazione della pista”.  A questo punto è spontanea la domanda: ma è una scusa, un tentativo di giustificarsi o cosa?”.
“Non si comprende la ratio – dichiarano Migliore e Nicita – una condizione di pericolo va ignorata perché è preesistente? Possibile che non ci si renda conto che la realizzazione della pista ha reso ancora più insicuri quei tratti di via Bisani?”.
“Secondo la “pronta” risposta di Scarpulla il pericolo non è tale perché c’è sempre stato – concludono – nel frattempo chi passa di lì rischia ogni giorno e nel periodo estivo si è fatto finta che il pericolo, pur segnalato, non esistesse. Proponiamo che sia chiusa fino a quando non verranno risolti i problemi: chiediamo soluzioni vere e non accomodamenti provvisori”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

quindici − nove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.