IL REPARTO DI OTORINOLARINGOIATRIA RESTA A RAGUSA

2
604

Il sindaco Federico Piccitto interviene in merito alla notizia del “blocco” del trasferimento del reparto di Otorinolaringoiatria dall’Ospedale di Ragusa a quello di Modica. “Tralascio ogni considerazione ulteriore – dichiara il primo cittadino – compresa quella relativa alla risposta ufficiale, che ancora attendiamo da parte Direzione Generale dell’Asp 7, alla doppia diffida che il Comune di Ragusa, non certo il sottoscritto, ha inviato.

Apprendiamo, con soddisfazione, il ritorno alla situazione iniziale, senza trasferimenti estemporanei, così come avevamo chiesto, notizia che rappresenta, semplicemente, il ripristino della normalità, sulla base della specifica sentenza del Cga in proposito. Ogni altro commento appare superfluo; questa vicenda dimostra quanto abbiamo detto, più volte: è necessario attenersi ai fatti, non certo ai desiderata. La salute dei cittadini e di riflesso, le esigenze della nostra città, non possono essere solo belle frasi, ma vanno accompagnate da azioni concrete. L’auspicio è che, in futuro, non si prosegua lungo questa pericolosissima linea, peraltro incomprensibile. Noi, comunque, manterremo sempre la massima attenzione”.

2 Commenti

  1. Gran bella soddisfazione del Sindaco Piccitto che ha vinto la battaglia di Pirro sulla pelle della gente. Piccitto ha delegato alla guida della sanità iblea i giudici e se questo è possibile vuol dire che anche i Comuni possono essere gestiti dai giudici. Che tristezza l’arroganza non ha limite, le persone che poi sono i destinatari dei servizi, non valgono nulla di foronte all’arroganza e alla prosopopea mania di grandezza senza avere gli spazi per allocare i servizi pretesi. Questa ex provincia è fallita è ostaggio dei catanesi e quì l’unica cosa che la politica sa fare è quella di litigare e dividere. Sindaco Piccito buon campanile.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

tre × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.