I CENTRISTI X LA SICILIA: “IL NUOVO PIANO REGIONALE DI RIORDINO SANITARIO E’ INACCETTABILE PER LA PROVINCIA DI RAGUSA”

1
657

Ingiustificata, improponibile, unilaterale e pertanto inaccettabile. E’ la scelta operata dall’assessore regionale alla Sanità sul piano di riordino della rete ospedaliera in Sicilia, che è penalizzante per gli ospedali di Modica e Scicli e di conseguenza per gli utenti di tutto il comprensorio orientale della ex provincia di Ragusa che usufruiscono di tali strutture ospedaliere.

A dirlo è il coordinatore provinciale dei Centristi x la Sicilia, Pinuccio Lavima. Il quale continua: “Una scelta prettamente politica di una parte del governo regionale e di una componente politica che ancora una volta opera in autonomia e senza alcuna interlocuzione con la coalizione e meno che meno con il territorio ed i suoi rappresentanti istituzionali e politici. Stavolta non c’è e non può esserci né mediazione, né politichese che tenga, i cittadini di questo comprensorio chiedono chiarezza e fermezza politica da parte del governo regionale nella sua collegialità e la risposta non può essere che una sola: la eliminazione immotivata sotto ogni aspetto della penalizzazione degli ospedali di Modica e Scicli ridando dignità assistenziale analogamente a Ragusa e Vittoria e Comiso”.
Su un tema così importante per l’intera collettività occorre fare fronte comune e pertanto condividiamo e sosteniamo con forza l’appello del nostro deputato regionale, Orazio Ragusa, rivolto all’on. Pippo Digiacomo nella qualità di presidente della sesta commissione Sanità, ai sindaci del territorio interessato e aggiungiamo le forze politiche, sindacali e imprenditoriali.
Una richiesta formale che faccio anche al mio partito e ai nostri rappresentanti in Giunta, a livello regionale, che in mancanza di tale risposta invito ad una riflessione politica sulla opportunità o meno della nostra permanenza e sostegno al governo: noi questa riflessione la apriremo nel nostro territorio.

1 commento

  1. La pazienza è finita,n se questo Governo e il Suo assessore alla saluite non sono in grado di governare vadano a casa il più presto possibile per il bene della Sicilia e dei Siciliani. Sulla sanità ragusana le scelte scellerate di concentrare tutto su un polo ospedaliero è semplicemente vergognosa, dove ormai da un po di tempo a questa parte l’obiettivo principale della politica e dei vertici aziendali è l’ospedale Maggiore di Modica. Non si tiene in alcun conto l’atto aziendale che è stato condiviso dalla maggioranza dei sindaci di questa ex provincia tranne il distretto ragusano che solamente ha voglia di mantenere la mania di grandezza senza avere le strutture per allocare i servizi facendo ricorso al Tar. La continua spoliazione non è più tollerabile ed è necessaria una presa di coscienza, abbattendo steccati e allocazioni partitiche per fare squadra per impedire che si facciano scelte a danno dei cittadini con scelte fantasiose e prive di logica. Il dipartimento di emergenza può essere allocato solamente a Modica perchè baricentrico, attrezzato con eliporto che funziona per 365 giorni l’anno, dove possono atterrare gli eleicotteri più grandi esistenti al mondo a differenza di quello ragusano costruito a ridosso del nuovo ospedale che durante il periodo invernale per via della continia nebbia neppure si vede, il pronto soccorso in via di completamento, con un Porto di Pozzallo funzionante e con una massiccia ed interminabili sbarchi solo da giugno a dicembre del 2016 sono stati 52 gli sbarchi, deve fare riflettere la politica e scegliere in base alla logica invece di ascoltare gli sponsor per fare politica clientelare. Occorre che l’Ospefdale Busacca di Scicli venga riqualificato e meso nelle stesse dondizioni del Regina Margherita di Comiso che è rinasto ataccato a Vittoria a differenza del Busacca che si è distaccato da Modica. I partiti, i sindacati ammesso che ancora esistono, le associazioni dei cittadini assieme ai sindaci del comprensorio, allargando il coinvolgimento dei Sindaci di Pachino, Portopalo, Rosolini ed altri ancora, devono mobilitarsi con appuntamento condiviso coinvolgendo i Consigli Comunali per far capire alla politica scellerata siciliana che è ora di smetterla scherzare sulla pelle della gente. Per concludere non sento uno spiffero da parte del PD e della Candidata sindaca Castello sempre pronta e attenta su tante altre cose ma assente constantemente sulla sanità e sulle spoliazioni che Modica continua a subire ultimo in ordine di data il tribunale. Almeno per una volta si faccia una lotta insieme ai cittadini e alle Istituzioni senza bandiere.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

4 + uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.