Scicli. Sentenza Acif: la giunta comunale: “Il provvedimento del Tar riguarda un primo ricorso. Un altro è in itinere e aspetta il giudizio”

0
552

Una riunione urgente di giunta si è tenuta oggi pomeriggio in Municipio a Scicli alla luce della sentenza del Tar di Catania favorevole alla ditta A.ci.F. servizi Srl, relativa all’impianto di trattamento rifiuti pericolosi e non -in variante allo strumento urbanistico-, in contrada Cuturi, nella immediata periferia della città.

L’amministrazione comunale sta vagliando tutte le procedure tecniche e gli stumenti di legge per preservare il territorio comunale da attività in contrasto con le politiche di tutela e preservazione del paesaggio.
La giunta è contraria alla realizzazione dell’impianto e metterà in campo tutte le energie e risorse amministrative per garantire la tutela della salute dei cittadini. La sentenza dei giorni scorsi del Tribunale amministrativo etneo riguarda un primo ricorso al Tar promosso da A.Ci.F. contro la Regione Siciliana (e in cui è parte resistente anche Legambiente), e avente a riguardo il decreto assessoriale del 25 luglio 2016, con cui la Regione aveva revocato il precedente decreto di giudizio positivo di compatibilità ambientale sul progetto di ampliamento dell’attività di gestione della piattaforma di trattamento e recupero rifiuti pericolosi e non, in contrada Cuturi.
Un altro ricorso è in itinere, e attende il giudizio di merito, ed è stato promosso dal “Comitato spontaneo salute e ambiente” di Scicli, che ha raccolto al suo interno molte associazioni e singoli cittadini, e ha come richiesta l’annullamento dell’Aia, l’Autorizzazione Integrata Ambientale concessa dalla Regione il 3 marzo 2016, che contempla ben 68 prescrizioni cui la ditta A.ci.F dovrebbe ancora sottostare.
L’amministrazione crede fermamente che, grazie al prelievo del ruolo dell’udienza di questo secondo ricorso davanti al Tar, si possa registrare una sentenza che tenga conto delle esigenze di tutela della salute pubblica, alla luce della programmazione politica dell’attuale amministrazione, della vocazione del territorio e degli strumenti urbanistici comunali.
E’ di pochi mesi fa una manifestazione popolare cui hanno partecipato oltre 5 mila cittadini di Scicli, con cui la comunità, in tutte le sue articolazioni, ha detto No alla creazione di un impianto per il trattamento dei rifiuti pericolosi. Fra quanti aderirono a quella protesta ci sono gli amministratori di oggi, che, in coerenza con quanto sostenuto allora, proseguiranno ad oltranza la battaglia in difesa di Scicli.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

1 × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.