Warning: Parameter 1 to WPXtreme::curlEnableSSLOnSharedHosting() expected to be a reference, value given in /web/htdocs/www.radiortm.it/home/wp-includes/class-wp-hook.php on line 300
rete ospedaliera | Radio RTM Modica

Archivio Tag: rete ospedaliera

La Cgil iblea interviene sugli sviluppi della sanità iblea a difesa dei pazienti

Il disegno della rete di emergenza urgenza, proposto dall’Assessore Regionale della Salute On. Baldo Gucciardi, è stato l’occasione per la Cgil Confederale, Funzione Pubblica e lo SPI di fare il punto sulla sanità iblea, nell’ambito della discussione politica, abbastanza accesa e vivace, in atto nella nostra provincia.

Ospedali Modica-Scicli a “Spoke”. La soddisfazione del Coordinamento Adesso Modica

Il Coordinamento Politico e il Presidente di Adesso Modica, Mommo Carpentieri, salutano con grande favore la notizia dell’elevazione degli ospedali riuniti di Modica- Scicli a Spoke. Scongiurato quindi un declassamento che avrebbe compromesso in maniera irreversibile il futuro delle due strutture.

Il Ministro Beatrice Lorenzin ha mantenuto l’impegno! Il ‘Maggiore’ di Modica non sarà declassificato

E’ arrivata da Roma la notizia tanto attesa. L’Ospedale Maggiore di Modica non subirà nessun declassamento ma verrà elevato a Struttura di 1° livello, al pari degli ospedali di Ragusa e Vittoria. A comunicarla è stata direttamente il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, al termine del confronto avuto nella Capitale con l’assessore regionale Baldo Gucciardi.

L’Asp 7 spende 47 mila euro per pubblicizzare il nuovo ospedale di Ragusa…ancora chiuso. Denuncia di Tato Cavallino

Ennesimo schiaffo ai cittadini dal comparto sanitario o meglio dalla dirigenza Asp di Ragusa. Se da una parte esistono ancora innumerevoli sacche di inefficienza con il progressivo degrado di una sanità pubblica che ha visto ridursi posti letto, ricoveri, giornate di degenza e personale dall’altra c’è chi ha la bella idea di spendere ben 47 mila euro per incaricare un privato che divulghi le modalità operative del nuovo ospedale di Ragusa.

LA SENATRICE PADUA INCONTRA IL MINISTRO LORENZIN: “PRESENTERO’ UN EMENDAMENTO PERCHE’ POSSA ESSERE REALIZZATO IN PROVINCIA UN ALTRO DEA DI PRIMO LIVELLO”

“Gli ospedali riuniti di Modica-Scicli, all’interno del piano regionale della riorganizzazione ospedaliera, sono un presidio fondamentale per il territorio e vanno salvaguardati, evitando assolutamente ogni scenario che determini una possibile diminuzione funzionale delle strutture e, quindi, una ridotta risposta per le necessità di salute dei cittadini”. A dirlo è la senatrice del Pd, Venera Padua, dopo l’incontro con il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

 PIANO DI RIORDINO DELLA RETE OSPEDALIERA IN SICILIA, LAVIMA E L’ON. RAGUSA A CONFRONTO CON L’ASSESSORE GUCCIARDI

Proficua giornata, ieri, per gli incontri che il coordinatore provinciale dei Centristi per la Sicilia, Pinuccio Lavima, e il deputato regionale Orazio Ragusa hanno avuto a Palermo sul piano di riordino della rete ospedaliera in Sicilia che vede interessati gli ospedali dell’area iblea con particolare attenzione verso quelli riuniti di Modica e Scicli.

IL REPARTO DI OTORINOLARINGOIATRIA RESTA A RAGUSA

Il sindaco Federico Piccitto interviene in merito alla notizia del “blocco” del trasferimento del reparto di Otorinolaringoiatria dall’Ospedale di Ragusa a quello di Modica. “Tralascio ogni considerazione ulteriore – dichiara il primo cittadino – compresa quella relativa alla risposta ufficiale, che ancora attendiamo da parte Direzione Generale dell’Asp 7, alla doppia diffida che il Comune di Ragusa, non certo il sottoscritto, ha inviato.

On. Nino Minardo: Il reparto di Otorino, in meno di 24 ore trasferito da Ragusa a Modica andata e ritorno!! La triade (mal)governata da Aricó si dimetta!!!

Adesso basta! L’Azienda sanitaria 7 di Ragusa, appare sempre di più come un coacervo di approssimazione ed incapacità e il dilettantismo gestionale casca sulla pelle dei cittadini. La ‘perla’ dell’ultimo giorno va di diritto tra le ‘top ten’ delle castronerie di questa amministrazione sanitaria iblea: in meno di 24 ore, il reparto di Otorino è stato trasferito dall’ospedale di Ragusa a quello di Modica e poi ritrasferito nel capoluogo in un ospedale in cui manca addirittura la rianimazione!!!

TRASFERITE LE ATTREZZATURE MEDICHE DELLA SALA OPERATORIA DI OTORINOLARINGOIATRIA DI RAGUSA A MODICA. PICCITTO DIFFIDA L’ASP

Una diffida per chiedere il ritrasferimento dall’Ospedale di Modica alla sala operatoria dell’Unità Operativa Complessa di Otorinolaringoiatria di Ragusa delle attrezzature mediche. Ad inviare tale diffida al Direttore Generale dell’Asp di Ragusa ed al dirigente dell’avvocatura della stessa azienda sanitaria sono stati stamane, con nota sottoscritta congiuntamente, il sindaco Federico Piccitto ed il responsabile dell’Avvocatura comunale avv. Sergio Boncoraglio.

Incontro Abbate – Aricò su futuro Ospedale Maggiore di Modica

Il Sindaco di Modica, Ignazio Abbate, ha incontrato ieri il Direttore Generale dell’Asp di Ragusa, Maurizio Aricò. Con lui anche il direttore sanitario dell’Ospedale Maggiore, Piero Bonomo. E’ stato il primo incontro tra il Primo Cittadino e il Direttore Aricò dopo il turbinio di polemiche della scorsa settimana legato all’approvazione

Modica. Il consigliere comunale Puccia aderisce al comitato per la salvaguardia della Sanità Iblea

Il consigliere comunale Massimo Puccia  ha deciso di aderire al Comitato per la salvaguardia della Sanità Iblea, che domenica mattina ha organizzato un sit-in di protesta proprio davanti all’ospedale Maggiore di Modica.

 SANITA’ A DUE DIFFERENTI VELOCITA’ NELL’AREA IBLEA, L’ON. RAGUSA: “ECCO QUALI LE PROPOSTE PER CERCARE DI SUPERARE L’ATTUALE FASE DI IMPASSE”

La Sanità iblea non può continuare a subire penalizzazioni. Occorre compiere delle scelte, anche politiche, che consentano un doveroso equilibrio nell’erogazione dei servizi rivolti agli utenti. E per questo motivo, con l’aiuto di professionisti del settore, stiamo cercando di formulare delle proposte che ci permettano di guardare avanti con una certa fiducia.

A Modica è nato il Comitato Spontaneo Pro Sanità Iblea

A seguito delle forti preoccupazioni che sta creando nella cittadinanza la riorganizzazione della Sanità in Sicilia ed in particolare nella ex Provincia di Ragusa, destinataria di una costante azione di spoliazione dei presidi sanitari, si è costituito a Modica il Comitato Spontaneo Pro Sanità Iblea su iniziativa di un gruppo di cittadini.

Modica. Convocazione consiglio comunale aperto su Ospedale Maggiore

Accogliendo la proposta dei consiglieri di maggioranza, ma chiesto anche dalla minoranza consiliare, l’Amministrazione Comunale di Modica ha invitato i presidenti dei consigli comunali di Modica, Ispica, Scicli, Pozzallo, Rosolini, Pachino e Portopalo a convocare un’assemblea allargata a tutti i consiglieri da tenersi presso l’Ospedale Maggiore. Un enorme consiglio comunale, aperto anche alle sigle sindacali, agli onorevoli, alle organizzazioni di categoria e ai cittadini per discutere tutti insieme dell’emergenza Sanità

I capigruppo di maggioranza a Modica: “Stanchi di subire scippi al nostro territorio”

“Stanchi di subire continuamente gli scippi a danno del nostro territorio, è arrivato il momento di unirci tutti ed alzare la voce per farci sentire da chi sembra ricordarsi di noi solo quando c’è da chiedere qualcosa”. A parlare sono i capigruppo di maggioranza a Modica che intervengono dopo gli ultimi sviluppi della vertenza sanitaria che ha travolto la sanità iblea ed in particolare l’Ospedale Maggiore di Modica: “Preferiamo non commentare certe dichiarazioni

Trasferimento dell’unità operativa complessa di otorinolaringoiatria da Ragusa a Modica. Il sindaco Piccitto: “Inaccettabile”

Il sindaco di Ragusa, Federico Piccitto, interviene in merito alla notizia secondo cui la direzione generale dell’Asp 7 di Ragusa avrebbe già avviato il trasferimento dell’unità operativa complessa di otorinolaringoiatria da Ragusa a Modica. “Una decisione che, se confermata, ha davvero dell’incredibile. – afferma il primo cittadino – E non solo per la decisione in sè, ma soprattutto per il fatto che, appena avuta notizia sul possibile depotenziamento

Piano sanitario. Assenza: “L’ennesimo Piano regionale è solo l’ultimo bluff”

“Questo nuovo Piano di riordino della rete ospedaliera ci consegna un quadro dissennato che inchioda i governi regionale e nazionale a responsabilità vecchie e nuove”. Lo dice l’on. Giorgio Assenza intervenendo sul tema riguardante l’ultima ipotesi di rimodulazione della rete ospedaliera siciliana che, tea l’altro, penalizza irragionevolmente gli ospedali di Modica e Scicli.

Nuova rete ospedaliera, Digiacomo: “Ho sempre difeso tutti gli ospedali minori”

Non sono piaciute al presidente della VI Commissione all’Ars, Giuseppe Digiacomo, le insinuazioni lanciate da alcuni esponenti politici relative a presunti favoritismi che lo stesso Digiacomo avrebbe riservato agli ospedali dell’area ipparina e che sarebbero stati recepiti dall’assessore Gucciardi il quale avrebbe, conseguentemente, redatto il piano di riordino della sanità siciliana a fronte di presunti “accordi sottobanco”.

L’ON. RAGUSA A CONFRONTO CON L’ASSESSORE REGIONALE ALLA SANITA’ GUCCIARDI

Dopo l’incontro avuto con l’assessore regionale alla Sanità, Baldo Gucciardi, l’on. Orazio Ragusa ha manifestato, così come aveva già fatto in aula, il proprio dissenso allo stesso rappresentante del Governo siciliano rispetto alle previsioni contenute nelle ipotesi di riordino della rete ospedaliera isolana, assolutamente penalizzante per gli ospedali di Modica e Scicli. “Non è così facendo – sottolinea l’on. Ragusa – che si mette in armonia la Sanità iblea.

On. Marialucia Lorefice: «Nessun hub previsto e due soli spoke. È evidente che il piano è distruggere la sanità ragusana»

«La rete ospedaliera ragusana non solo non funziona, la stanno ulteriormente smantellando. Lo sanno bene i cittadini, i pazienti, i medici e tutto il personale sanitario. Evidentemente – afferma Marialucia Lorefice, Capogruppo M5S Commissione Affari Sociali- a non saperlo sono soltanto l’Assessore alla Sanità regionale, Gucciardi, e il Manager dell’Asp 7, Aricò,

In primo piano