Archivio categorie: critica

“PATATA BOLLENTE”di Rita Faletti

Indignazione e un inferno di accuse si è scatenato contro Feltri l’autore del famigerato articolo di Libero. Una reazione niente affatto sorprendente che c’era da aspettarsi da parte del popolo dei finti moralisti, sempre pronti a condannare tutto quello che non viene dal loro benemerito circolo di creature antropologicamente superiori.

DITTA RAGGI & COMPANY……di Rita Faletti

Per dirla con l’ex-ciclista Gianni Bugno “se passi troppo tempo a riscaldarti, perderai la gara; se non ti riscaldi affatto, può capitare che non la finirai nemmeno”. Sono sette mesi che Virginia Raggi e la sua giunta fanno esercizi di riscaldamento mentre Roma rimane congelata.

11 Gennaio 1693. Restano la memoria e l’orgoglio

“…fare memoria e celebrare l’orgoglio dei nostri avi nel ricostruire una città….”. La pomposità di tale passo della dichiarazione del Sindaco di Ragusa resa in occasione della presentazione della terza edizione della manifestazione per ricordare “il grande terremoto dell’11 Gennaio 1693” fanno seriamente riflettere sulla reale capacità e coscienza del celebrante amministratore di comprendere il pericoloso evento naturale.

ABBIAMO PERSO IL TRENO………L’opinione di Rita Faletti

Un bel sospiro di sollievo ed ecco che il CNEL e i senatori della Repubblica hanno avuto la conferma della loro sopravvivenza. Inutile. Il NO tranquillizza tutti, politici rottamati o autorottamatisi, sconfitti, traditi, rampanti delusi, burocrati più o meno noti,

Amministrative 2016 a Scicli. Una prima riflessione a caldo.. di Bartolo Iacono

Enzo Giannone fa il pieno e viene eletto a primo turno. Bene anche le liste collegate, tutte raggiungono il quorum anche se non superano, insieme, la soglia del 40% per il premio di maggioranza (e non è affatto un problema). Benissimo Start Scicli: premiati la freschezza, la competenza dimostrata ed il grande lavoro dei ragazzi.

A proposito delle struttura giudiziaria di Ragusa. “La scarpa stretta e il piede che duole”

Mutuando una felice immagine del filosofo e pedagogista statunitense, John Dewey, l’inverecondo problema della struttura giudiziaria di Ragusa è come il piede che duole perché la scarpa è stretta.
Questa riflessione mi rafforza nella mia legittima battaglia perché la struttura giudiziaria di Modica, per le note (per ora per noi lontane, per fortuna) vicende sismiche, debba essere con urgenza adibita a sede del Tribunale di Ragusa.

Scuola a Londra: “Siete Italiani-Siciliani o Italianiani-Napoletani”. Ipotizzata la discriminazione

In talune scuole   britanniche agli alunni stranieri, nel caso di origine italiana vengono sottoposti dei moduli di iscrizione nei quali si chiede di “chiarire” se sono  “Italiani”, “Italiani-Siciliani” o “Italiani-Napoletani”. Secondo le istituzioni locali si tratta di un modo per   conoscere l’area linguistica di provenienza. Solo che, invece, la questione  si è trasformata in una polemica creando parecchio clamore e non poco imbarazzo al Governo di Londra.

AMATRICIANA ALLA BOSCHI..di Paolo Oddo

Di don Fortunato Di Noto si conosce la vita a partire dall’ingresso nel seminario di Noto nel 1984 e poco si sa degli anni che hanno preceduto questa scelta.
Ci conosciamo dalla metà degli anni Settanta del secolo scorso per un motivo molto semplice: siamo lontani parenti. Il padre, maresciallo dei carabinieri in servizio a Ragusa in quel periodo,

I fuochi d’artificio nonostante le vittime del terremoto. Modica, “non c’è più religione”

E’ proprio vero: non c’è più religione. A Modica si continua a fare uso dei fuochi d’artificio per le feste religiose nonostante l’Italia pianga circa trecento vittime per il terremoto della scorsa settimana, nonostante si facciano appelli per raccogliere fondi. Eppure la Parrocchia di San Massimiliano Kolbe, a Modica Alta,

Dopo il terremoto. Renzi, Grasso, parole e fatti

 I politici, tutti, soprattutto quelli di stampo istituzionale-governativo, si sono imbizzarriti in occasione del terremoto e dei suoi effetti.

Ho il vago sospetto che il Governo creda di aver trovato l’occasione per rifarsi la verginità, perduta, di efficienza e di fattività da spendere in autunno per il referendum. Questo mio abbrivio non vuole essere polemica e dico:

Le dune di Marina di Modica: “In nome della legge”.. di Concetto Scivoletto

In nome della legge continua lo scempio di Modica e dei suoi straordinari beni monumentali e paesaggistici.
In nome della legge negli anni ’60 fu rasa al suolo la Chiesa di S. Agostino, furono demoliti l’Hotel Bristol e anche un antico palazzo, con regolari licenze e pareri favorevoli,

Renzi ed Amiel…e dire che tutto….

Essere “in”, anglicismo super usato e iper abusato, è un aggettivo che in senso figurato significa essere alla moda, fare tendenza.
Come tutti gli anglicismi sono destinati a scomparire atteso che, come ha ricordato Farage, deputato inglese al Parlamento Europeo e fautore oltranzista della Brexit, la lingua inglese è oramai extracomunitaria.

Centro di raccolta veicoli usati a Modica. L’azienda smentisce e annuncia querele. Riceviamo e pubblichiamo

In data 26 luglio 2016 l’On. Assenza ha presentato una mozione all’A.R.S. con la quale invita l’Assessorato a revocare in autotutela il provvedimento autorizzativo per la realizzazione di un centro di raccolta veicoli usati. In merito al contenuto della mozione e del dibattito mediatico da esso provocato riteniamo di intervenire per chiarire la effettiva situazione giuridica e procedurale.

Vivere parecchie ore al Pronto Soccorso di Modica

Lo scorso giorno e poi qualche ora della notte successiva ho avuto modo di trovarmi al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore di Modica da spettatore doppiamente interessato: padre di un figlio che stava malissimo e giornalista sempre pronto alla critica. Solo che col passare della ore mi rendevo conto che non era facile “sferrare” un attacco agli operatori sanitari,

SE LE PARALLELE CONVERGONO….. ossia il pericolo spesso si trasforma in tragedia

1° Luglio: strage di Dacca;
8 Luglio: uccisioni a Dallas;
12 Luglio: disastro sulla tratta ferroviaria Corato- Andria;
14 Luglio: strage di Nizza;
17 Luglio: uccisioni di Baton Rouge.

SEN. SCIVOLETTO: “SCICLI: SE IL FATTO NON SUSSISTE”

L’assoluzione con formula piena di Franco Susino, ex sindaco di Scicli, rinviato a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa, mette fine a un’ingiustizia, speriamo in modo definitivo, ma non chiude nulla, anzi apre scenari inquietanti e autorizza interrogativi

Scicli, l’assoluzione di Susino. Giustizia è fatta…anzi no!

Giustizia è fatta …anzi no!.  La sentenza di assoluzione perché il fatto non sussiste di Franco Susino fa finalmente giustizia.  Non sussistono, quindi, i fatti posti a fondamento dell’accusa a carico del dott. Susino.

Modica, i grillini e le polemiche talvolta inutili e strumentali

Modica continua ad essere “insozzata” da rifiuti di ogni genere, persino di quelli pericolosi, come l’ormai noto eternit. Ciò grazie agli incivili cittadini che non si fanno alcuno scrupolo nell’abbandonare i rifiuti ingombranti ovunque e anche grazie alle istituzioni (il Comune in primis)

La polemica di Adesso Modica sulle chiese chiuse il 25 aprile. Il vicario foraneo replica, Cavallo contrabbatte

La polemica sulle chiese rimaste chiuse ai turisti lo scorso 25 aprile a Modica assume toni più ampi. Dopo le accuse lanciate da Adesso Modica, è il vicario foraneo, Don Umberto Bonincontro, a chiarire la questione. Il prelato ritiene che la polemica

Il Carnaio della Giustizia, ovvero del Tribunale di Ragusa…di Carmelo Scarso

Quanto vi sto per raccontare è realtà, sconcertante e paradossale realtà. Quando l’ho vissuta mi sono ricordato di un passo de la Bete Humain (Bestia Umana) di Emile Zola, Le Train Fou (Il Treno Folle)(absit iniuria verbis), un treno cioè che, passando da stazione a stazione alla deriva e senza controllo, travolgeva tutti, massacrando uomini e distruggendo cose, maciullando corpi umani e demolendo ostacoli, e nessuno faceva o poteva fare alcunché:

In primo piano