Modica, discarica selvaggia. La video sorveglianza fa individuate 33 persone. Avevano abbandonano rifiuti fuori dai cassonetti

3
2718

Lotta con tolleranza zero contro il fenomeno delle discariche abusive che è il risultato dell’abbandono senza controllo di rifiuti di ogni genere. Un fenomeno che si registra a macchia di leopardo nel territorio comunale di Modica. Sono, intanto, 312 i casi di abbandono di rifiuti ingombranti accertati e al vaglio della polizia locale grazie all’ausilio del sistema di videosorveglianza mobile che viene impiegato, con efficacia, da poche settimane.
Le immagini già esaminate hanno evidenziato che sono trentatré i soggetti individuati mentre abbandonavano rifiuti ingombranti di vario tipo.
Tra questi ci sono i titolari di otto aziende commerciali. Diverse postazioni, dove sono state collocate le telecamere consentono di “immortalare” le infrazioni e in particolare quelle laddove si continuano a originare discariche abusive.
Tra le persone individuate e sanzionate, come previsto dalla legge, due sono state anche  denunciate all’autorità giudiziaria per avere abbandonato rifiuti speciali non pericolosi.
L’attività preventiva e repressiva viene svolta in collaborazione col settore Ecologia del Comune con l’obiettivo di debellare il fenomeno delle discariche abusive e dell’abbandono incontrollato di rifiuti di ogni genere e fuori dagli appositi cassonetti.
Sono al vaglio della sezione di Polizia Giudiziaria le valutazioni su altre centinaia di casi attraverso l’esame delle immagini della videosorveglianza.
“Con l’installazione delle telecamere mobili – commentano congiuntamente il sindaco, Ignazio Abbate e l’assessore per la Sicurezza del Territorio, Pietro Lorefice  – cercheremo di riappropriarci di un territorio che vogliamo salubre e godibile.
Per lo smaltimento di qualsiasi tipo di rifiuti l’amministrazione da tempo ha predisposto l’attività specifica di uffici e numeri telefonici preposti che si possono contattare. La collaborazione del cittadino è necessaria e utile per garantire il rispetto per l’ambiente. Abbiamo le strutture e i mezzi per poterlo fare”.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

3 Commenti

  1. Complimenti al lavoro svolto dalla polizia locale. Ricordo però ai lettori della testata giornalistica che:
    1) La IGM svolge il servizio di raccolta rifiuti dal Novembre 2016
    2) La IGM ha sottoscritto il contratto di appalto nel Febbraio 2017
    3) ad oggi non è stata estesa la raccolta differenziata all’intero territorio comunale ma solo a Frigintini (forse) e a Marina di Modica.
    4) il bando di gara fissava il raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata al 65% entro mesi dall’avvio
    5) Erano previste penalità elevatissime a carico dell’appaltatore in caso di mancato raggiungimento
    6) Il comune di Modica paga regolarmente le fatture della IGM a canone pieno senza applicare le detrazioni
    7) I cittadini pagano alla IGM un canone pieno per un servizio che non esiste!!
    A questo punto si applicano le penalità alla IGM, e poi la si manda a casa!

  2. Aumentare il numero dei cassonetti no, vero?
    Sempre addosso all’utente/contribuente da spremere, come nel caso delle bollette idriche maNdate a FORFAIT … 113 mq di acqua in tutti e tre gli immobili dei miei genitori,,,, due dei quali (un garage e una casa) disabitati da anni… mahhhhhhh

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome