Il campione Iano Scollo dona al Comune di Monterosso Almo la sua preziosa raccolta di foto della sua storia sportiva

0
4174

Nel corso di una semplice ma significativa cerimonia svoltasi venerdì scorso nel Palazzo Comunale, Sebastiano Scollo, monterossano doc, classe 1934, meglio conosciuto come “Iano”, ha fatto dono al Comune di Monterosso Almo di una buona parte della propria e preziosa raccolta di foto in bianco e nero sulla sua importante storia di campione regionale e nazionale nel lancio del peso e di rugby. Erano presenti il sindaco Pagano ed un gruppo di amici e conoscenti. Da anni Iano Scollo, vive a Palazzolo Acreide con la sua famiglia. Molto legato al suo paesino, spesso è presente per partecipare alle feste e ritrovare i vecchi amici. Un uomo alto quasi due metri, fino a poco tempo fa è stato una montagna di muscoli, il torace possente e due grosse e possenti mani.

L’infanzia è stata vissuta nell’azienda agricola del padre situata nelle campagne di Monterosso. A 21 anni viene chiamato a servire la patria e va a Palermo. Allo stadio della Favorita, quasi per scommessa nei confronti dei suoi colleghi e degli ufficiali che non credevano per nulla alla sua “forza innata”, effettuò un lancio del peso da quindici metri e fu il record siciliano militare. Il precedente era stato solo di nove metri. Ed ecco che da quel momento e per nove anni consecutivi, dal 1957 al 1965, Iano Scollo vinse i campionati regionali assoluti di lancio del peso con misure non lontane dal primato del mondo del mitico Parry O’Brien. Ma nel suo albo d’oro ci sono anche i campionati nazionali, due vittorie ai giochi del Mediterraneo e tanti altri trionfi in giro per l’Italia.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome