Conclusa la visita di Alberto II di Monaco a Modica con l’inaugurazione del Castello dei Conti

3
2397

Tra le ali di una folla plaudente, il principe Alberto II di Monaco dopo una lunga visita al Castello dei Conti riaperto al pubblico dopo un lungo restauro è ripartito da Modica con la promessa di farvi ritorno perché con la città intende mantenere un rapporto solido e duraturo.

Il programma mattutino, secondo il protocollo stabilito, è iniziato con la visita nella Chiesa di San Giorgio. Sulla porta della maestosa facciata tardo barocca lo hanno accolto Don Angelo Giurdanella, Vicario generale della Diocesi di Noto, e Giovanni Stracquadanio, parroco della Chiesa madre di San Giorgio, il quale ha illustrato i paramenti ottocenteschi donati dalla famiglia Grimaldi alla parrocchia, compreso un pregevolissimo ostensorio.
Lo storico Giuseppe Barone ha accompagnato il principe Alberto II di Monaco spiegando e illustrando, il Polittico seicentesco di Bernandino Nigro, l’altare con la Madonna della Neve di Bartolomeo Berrettaro e Giuliano Mancino. Altra visita al reliquario di San Giorgio, opera di argentieri veneziani, ai quadri dell’Assunta di Filippo Paladini e il Martirio di Sant’Ippolito.
SAS Alberto II di Monaco, terminata la visita, ha proceduto a tagliare il nastro, unitamente al sindaco, Ignazio Abbate sull’ingresso del restaurato Castello dei Conti. Accompagnato dall’arch. Salvatore Tringali, direttore dei lavori che ha fatto da cicerone, il principe ha potuto ammirare l’ampiezza e la bellezza dei locali e di cortili mentre un gruppo del Liceo musicale di Modica diffondeva le arie del TE DEUM di Charpentier. Sulla pedana di ferro che perimetra l’area, ha potuto ammirare le scoperte emerse nel corso dei lavori come la Torre Normanna e le mura dell’antico maniero in una datazione attorno all’anno mille in avanti. Altra visita negli ipogei del Castello nel piano basso servito da comode scale e da ascensore.
Un piccolo rinfresco curato dall’istituto Alberghiero “Principi Grimaldi” nel ridotto di un terrazzo con vista incantevole sulla città ha nei fatti concluso la visita di SAS Alberto II di Monaco a Modica e della sua folta delegazione.
Ha salutato la città tra le ali di un pubblico gioioso che hanno scandito a voce alta il suo nome e Sua Altezza con modestia e pazienza si è avvicinato al pubblico salutandolo con strette di mano e con carezze sui volti dei bambini.
“Siamo particolarmente contenti- commenta il sindaco Abbate- di questa due giorni di presenza di SAS Alberto di Monaco in cui la Città ha saputo fare il meglio di sé partecipando a quella che è stata una festa per un Capo di Stato vicinissimo a Modica e alle sue antiche tradizioni.
Sono certo che il rapporto con il principato sia solo l’inizio di una fase di collaborazione e di presenza tra Modica e lo Stato monegasco che prevedo intenso e fattivo.
Abbiamo finalmente inaugurato il Castello dei Conti dopo anni di chiusura al pubblico e oggi riaperto alla fruizione di tutti. C’è l’idea di farlo diventare una sorta di casa degli artisti siciliani moderni e non per farne una mostra permanente di alto spessore artistico e culturale.”

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

3 Commenti

  1. Non è, comunque, il caso di fare le pulci ad un evento che a prescindere dai costi è e sarà una ulteriore cassa di risonanza importante per la nostra città. Sono e saranno altri i problemi della nostra città… Vengono da quattro anni di scellerate iniziative!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome