Modica, D’Antona: “Situazione finanziaria dell’ente fuori controllo”

5
358

La situazione finanziaria del Comune di Modica è ormai fuori controllo.
Per il terzo anno consecutivo Modica viene doppiamente commissariata dalla Regione per la mancata approvazione del bilancio di previsione 2017, il cui termine di scadenza era il 31 marzo, e per la mancata approvazione del rendiconto 2016, il cui termine di scadenza era il 30 aprile.
Si accumulano costantemente i ritardi nei pagamenti, dai dipendenti comunali,

alle cooperative sociali alle imprese fornitrici; perfino un protocollo d’intesa, firmato dal Sindaco con le organizzazioni sindacali il 27 luglio, che prevedeva il pagamento dello stipendio di giugno ai dipendenti comunali il 10 agosto è stato disatteso, mentre gli operatori delle cooperative per avere due mensilità su quindici arretrate devono scioperare.
“In questi mesi il Piano di Riequilibrio, dalla cui attuazione dipende il futuro finanziario del nostro Comune – lamenta in consigliere comunale di SEL, Vito D’Antona – è stato oggetto di interventi della Corte dei Conti senza precedenti: la segnalazione alla Procura della Repubblica, le continue deliberazioni sulla mancata attuazione delle richieste misure correttive da parte dell’Amministrazione per uscire dalla precarietà, la sentenza che ci ha visto soccombere in ordine alla procedura di rimodulazione del piano con delibera di Giunta, le perplessità manifestate dai giudici contabili fino alla ultima interlocuzione avvenuta il 24 luglio e della quale non è stato informato neppure il Consiglio Comunale.
L’ormai permanente ricorso alla anticipazione di cassa per il pagamento delle spese obbligatorie, oltre che determinare una espansione della spesa per interessi, rappresenta un sintomo patologico di difficoltà di riscossione delle entrate proprie da parte dell’ente, bloccate a percentuali di paganti estremamente basse che non può che fare riflettere seriamente e fuori dalla propaganda Abbate e suoi amministratori.
L’Amministrazione Abbate sulla situazione finanziaria del Comune, ha fallito.
A questo punto è doveroso che Abbate e i suoi consiglieri, spiegassero ai cittadini come è stato possibile che la situazione finanziaria in soli quattro anni è peggiorata in questo modo, nonostante un Piano di riequilibrio approvato e un’enorme liquidità dovuta alla Cassa Depositi e Prestiti trovata al momento dell’insediamento”.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

5 Commenti

  1. Ispido, “no se preocupe” , tanto la nostra cara e amata Cassa Centrale (Roma) farà in modo come in passato di ripianare, con escamotage vari, la situazione. D’altra parte la Sicilia ha un disavanzo di oltre 10 miliardi di euro. Cosa facciamo? Ci lasceranno morire tutti sotto i debiti? Non penso proprio!
    Chissà come la pensano i lombardi, leggendo questa notizia, che al contrario hanno un avanzo di 18 miliardi.
    Tiro ad indovinare: forse penseranno che sarebbe ora che ognuno si arrangiasse da solo.

  2. E mentre la reginetta (Marina ) balla e si diverte con grande soddisfazione del conte e dei suoi sudditi , la vecchia regina ( Modica ) sprofonda sempre più in basso . Quanto durerà ?

  3. Dott. D’Antona, non solo le finanze e gli uffici finanziari sono FUORI CONTROLLO tutti gli uffici ormai sono senza IDENTITA, parliamo dell’Ufficio TRIBUTI, uno sfacelo totale cartelle sbagliate, introiti fittizzi, personale allo sbaraglio, CAOS TOTALE e con un assessore fantasma che ormai non si vede neppure in consiglio comunale. Parliamo dell’Ufficio URBANISTCA in totale abbandono privo di personale, privo di qualunque elementare organizzazione, UN DISASTRO in tutti i sensi.
    UN ENTE RIDOTTO AL LASTRICO, AL FALLIMENTO SIA ECONOMICAMENTE CHE ISTITUZIONALMENTE.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome