La Madonna Vasa Vasa perde un braccio. Fuori programma a Modica

14
9964

Un fuori programma c’è stato ieri sera nel corso dell’edizione serale della Madonna Vasa Vasa a Modica. La Vergine, nel corso dell’ultimo abbraccio esterno, davanti Piazza Matteotti, ha perso un braccio, probabilmente a causa dei continui movimenti per chinarsi della giornata, almeno una ventina. Sta di fatto che il simulacro non ha potuto completare la “benedizione” in attesa lungo Corso Umberto. In ogni caso, la manifestazione ha riscosso un successo incredibile che ha avuto il clou nel Duomo di San Giorgio.

foto nino giurdanella

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

14 Commenti

  1. non solo il braccio, anche la credibilità della festa religiosa, diventata invece solo una festa economica

  2. Vista l’urgenza un contingente appalto ridarà funzionalità al braccio della Madonna .

  3. Se la Madonna ha perso una mano(forse un braccio) S:Giorgio rischia molto di più . . .

  4. A Modica i saggi, gli storici, gli intellettuali e anche i preti, hanno dato spazio alle inventive ridicole di certi associati al clero, solo in occasioni di feste o di festival. Nessuna voce autorevole della Chiesa ha potuto modificare le scellerate scelte ; solo il vicario foraneo ha rilasciato un’intervista , ma anche lui è stato emarginato e questa la dice lunga sull’unità della chiesa locale; il sindaco da una testata di un quotidiano invita a superare le rivalità fra le comunità parrocchiali, quasi a sostituirsi al vescovo; sappia fare il sindaco se ne è capace e non entri nelle beghe ecclesiali, ma capisco che già ci è entrato , dato che parroci compiacenti stilano programmi religiosi a quattro mani. Povera chiesa modicana dove ti fai trascinare , per il vile denaro ; come ti prostituisci ancora al potere e alle speculazioni politiche, come non riesci a liberarti da Erode, come bene predichi e razzoli diversamente, come non ti sforzi di annunciare la libertà in cui credi? ( ho dei dubbi) Vedi hai fatto cadere le braccia anche alla Madonna, stanca ormai di essere manovrata e strumentalizzata. Vasa vasa vasa vasa ancora vasa, ma basta che diamine, per quale tipo di donna mi avete preso? Cosa ci azzecca il santo cavaliere con la delicata e struggente rievocazione pasquale del mattino di pasqua? Perchè clonare, ripetere a iosa gesti cosi incarnati nel popolo modicano, che seppur discutibili sul piano teologico, sono da sempre vissuti con grande e semplice patos , oramai asserviti ai piaceri dei turisti, dei curiosi, di chi ritarda, di chi non può partecipare, proprio come al circo equestre, spettacolo pomeridiano e poi quello serale. Per non parlare della stampa e dei mezzi di comunicazione, tutti inchinati alle voglie del Re , ma quale Conte, è riduttivo. E intanto a Roma , il servo dei servi Papa Francesco, testimonia e invita alla semplicità, all’essenzialità, ad essere più umani, non cantalinando e magari senza ricorrere a Mengoni. Concludo, l’ultima , le povere colombe che quest’anno si sono liberate dal manto della Madonna, azzavorrate da lunghi nastri colorati, destinate a sicura morte. Anche questa è Pasqua a Modica , purtroppo.

  5. Premesso che la statua della Madonna non ha braccia, ma solo le mani (passiamoci sopra) qualcuno ha contato quanti bisogni fisiologici ci sono stati nel corso della processione?
    Perché non la finiamo?
    Grazie!

  6. Caro hai smesso di fare il praticante,
    riesci con estrema facilità a confondere il tutto: religiosità e folklore, antipatia verso l’attuale sindaco e riesce pure a mostrare un certo livore verso il nostro vescovo. per completare l’opera manca solo il classico piove governo ladro.
    Lasci che il folklore si faccia spazio e diventi storia del resto l’attuale folklore altro non è che un inizio di qualche tempo fa. niente rimane immutato ed in quest’epoca di relativismo assoluto se il quinto bacio provoca ancora emozioni perchè limitarci?

  7. Tra sacro e profano qualcuno sta scrivendo una nuova pagina della storia di MOdica e quanto accaduto alla statua della Madonna potrebbe essere un segnale per farci riflettere.
    Massimo Puccia
    Consigliere comunale
    Modica

  8. @Raf che la Madonna non ha braccia ma solo le mani è il vero scoop!! (passiamoci sopra, appunto!)

  9. business is business , per trovare un barlume di religiosità ripassare in tempi migliori .

  10. @continua a fare il praticante,
    scusi, a quale folklore si riferisce? A quello legato alla Madonna Vasa Vasa? A San Giorgio?
    Mi sembra troppo sempliciotto dire “Lasci che il folklore si faccia spazio e diventi storia del resto l’attuale folklore altro non è che un inizio di qualche tempo fa”.
    Il folklore, addirittura la storia, non ha inizio con la decisione di “qualcuno”, è frutto della consuetudine, di un intrinseco intreccio di credenze, concomitanze e necessità; è frutto del consolidarsi di riti e devozioni. Risulta pretenzioso innalzarsi a iniziatori di un nuovo folklore relativamente ad un’antica tradizione religiosa.

  11. Vedete “cari”commentatori e lettori :”qualcuno” sta dimenticando un detto che invita a lasciar stare i Santi e di lasciar perdere i fanti . . .
    Anni fa ,durante una sortita diurna di S.Giorgio alla Sorda ,un anziano ebbe a dire che tutti coloro che sovranzavano il Santo(politici o pseudo tali..) ,a tempo breve ne sarebbero stati”travolti”…..Così FU !!!!

  12. condivido @cittadinamodicana e quasi mi annoiavo a rispondere @continua a fare il praticante, che ha travisato il mio pensiero; certo che continuo a praticare, non a fare il pecorone o lo sprovveduto e sicuramente provo emozioni quando il folkore e la religiosità popolare siano migliorati e bonificati per trarne beneficio ,di chi ha competenze e creatività. Per il sindaco non provo nessuna antipatia, anzi in “quest’epoca di relativismo assoluto” cavalca magistralmente la tigre del momento, aiutato certamente da un clero disorientato che il “nostro vescovo” non riesce a “sorvegliare”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome