Coma cerebrale e morte cerebrale. La rubrica del dottore Federico Mavilla

0
805

Non c’è possibilità di errore nella definizione, nella distinzione o il poter confondere tra la morte cerebrale e lo stato di coma.
Lo stato di coma, dal lieve, leggero, al profondo, è una alterazione dello stato di coscienza, perché il paziente non è in grado di rispondere agli stimoli esterni. Infatti il paziente comatoso non è in grado di muovere una parte del corpo, ma i centri vitali, che hanno sede nella parte più profonda del cervello, sono presenti e quindi il paziente viene considerato vivo.

Invece, nel paziente in morte cerebrale, vi è una distruzione irreversibile di tutta la parte del cervello, sia la parte corticale, dove ha sede la coscienza del paziente e quindi la capacità di interagire con il mondo esterno, ma soprattutto la parte più profonda, dove hanno sede i centri vitali, il centro dell’attività respiratoria e del battito cardiaco. Se muore questa parte del cervello, è morto il paziente, perché non è più in grado di respirare autonomamente. Generalmente tale condizione si verifica nel paziente in rianimazione, e purtroppo ciò confonde maggiormente, in quanto sembra che il paziente continui a respirare, ma in realtà non sta respirando autonomamente, ma respira perché collegato a delle apparecchiature, che permette sia l’ossigenazione dei suoi organi, sia il battito cardiaco, ma purtroppo in realtà il paziente è morto.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome