La condanna per mafia è definitiva. Arrestati 9 pregiudicati gelesi e un ragusano

0
960

La Corte di Cassazione ha riconosciuto colpevoli nove gelesi e un ragusano, condannati, a vario titolo, per associazione mafiosa, spaccio di stupefacenti, possesso illegale di armi, rapina ed estorsione.
Arrestati dalla polizia di Gela Carmelo Collodoro, di 55 anni, Sandro Emmanuello, di 41, Giovanni e Giacomo Di Noto, rispettivamente di 62 e 36 anni, Salvatore Cannizzo, di 54 anni, Giuseppe Morello, di 42, Angelo Vizzini, di 38 anni, Angelo Camiolo, di 63, e Gioacchino La Cognata, di 42 anni, tutti di Gela, e Giuseppe Biundo Deodati, 69 anni, originario di Ragusa, in in esecuzione di un provvedimento della Procura generale presso la Corte d’appello di Caltanissetta,

L’inchiesta antimafia che li riguarda, denominata «Tetragona», è riuscita a sgominare i traffici illeciti di Cosa Nostra gelese che si sviluppavano tra la Sicilia, la Liguria e la Lombardia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome