Interrogazione di Ivana Castello(Pd) sulla spesa comunale per la nettezza urbana a Modica

8
324

Durante l’esame del bilancio di previsione 2016, la sera del 13 febbraio scorso, il capogruppo del Pd, Ivana Castello, formulò alcuni quesiti sui costi del servizio di nettezza urbana. Chiese quale fosse l’introito accertato della tari, quali somme avesse effettivamente incassato nel 2016 e come le avesse ripartite tra la ditta incaricata del servizio e la discarica.

“Gli uffici – spiega l’esponente di opposizione – hanno accertato un’ entrata pari a 10.174.090,92 euro. Il tributo imposto, per chiarire, ha un gettito complessivo è calcolato in poco più di 10 milioni di euro. A fronte di tale somma ha impegnato, per l’intero servizio annuale, 8.849.641,49 euro. Un primo quesito, dunque, è questo: se la spesa effettiva ammonta a 10 milioni, perché ne ha impegnati un milione e 200 mila in meno? Già questa sola differenza costituisce una violazione di legge: una o più di una. Il sindaco è obbligato a gravare i cittadini di un importo pari al costo effettivo del servizio. Se supera tale limite, la differenza deve essere restituita ai cittadini. Se, diversamente, il milione e 200.000 euro non fosse dovuto e non fosse nemmeno esigibile, dovrebbe cancellarlo e spiegare a tutti perché ha ritenuto di doverlo imporre. Se lasciamo le cose come stanno, si potrebbe intendere che la somma non l’incasserà mai e che l’abbia appostata per accrescere le entrate fittizie a pro di futuri debiti fuori bilancio e per vantare avanzi inesistenti”. Secondo la Castello agli
atti risulta che l’amministrazione ha incassato, rispetto ai 10 milioni accertati, 4.569.066,87 euro. “E’ una somma, prendiamone atto, già entrata nelle casse comunali e vincolata al pagamento del servizio. Ho potuto, però, constatare, dallo stesso bilancio 2016, che lei ha pagato solo 3.020.422,97 euro. E siccome residuano parecchi debiti verso il personale, la ditta Puccia e l’ente che gestisce la discarica, non comprendo dove è finito (4.569.066,87 – 3.020.422,97 = 1.549.643,90) il milione e mezzo di euro che fa la differenza tra l’incassato e lo speso?
La risposta è che lo abbia impiegato per coprire parte dei debiti di nettezza urbana degli anni passati. Intuisco, da dati in mio possesso, che parte del milione e mezzo, esattamente 723.051,94, è stata impiegata in tal senso. Se ha fatto ciò, ovviamente, ha ulteriormente violato la legge, poiché ha distratto fondi vincolati dell’esercizio 2016. Ma non è solo una violazione formale che intendo evidenziare, ma un modo di amministrare caotico e fondato su sistematica improntezza. La legge prevede che la tari si gravi sui cittadini nella misura esatta del costo del servizio. Se il costo, dunque, è 100 nel 2014, 100 nel 2015 e 100 nel 2016, lei deve far pagare ai cittadini 100 euro all’anno. Le è vietato chiedere un centesimo in più. In contrasto con tale principio, tuttavia, lei ha gravato i cittadini di somme maggiori e, in più, non ha pagato l’intero importo del servizio agli incaricati. Naturalmente, se con parte della tari 2016 paga debiti del passato, va da sé che l’amministrazione non potrà esaurire il pagamento della Nettezza Urbana 2016.

Esaminiamo, ora, un altro aspetto che discende dall’ultima constatazione.
Se sommiamo i tre milioni spesi nel 2016, per pagare parte del servizio di pulizia urbana, ai 723 mila euro erogati per pagare parte dei residui passivi, troviamo:

3.020.422,97 + 723.151,94 = 3.743.474,91 euro.

Significa che l’amministrazione nel 2016 ha speso, per nettezza urbana, poco più di 3 milioni e 700 mila euro. Se questa somma la sottraiamo all’incasso totale di 4.569.066,87, troviamo un residuo di (4.569.066,87 – 3.743.474,91) 825.591,96 euro. Significa che a fine anno, permanendo il vincolo di destinazione della somma riscossa a titolo di tari, dovrebbero residuare poco più di 825 mila euro. Considerato, però, che il Comune ha solo debiti e che della somma riscossa come tari non residua nulla, le debbo chiedere: come ha impiegato tale differenza, visto che non è servita a pagare gli operai, né a pagare un benché minimo acconto sugli oneri di discarica?
Questa somma dice, in buona sostanza, che lei non solo non ha pagato puntualmente gli operai della ditta Puccia; non solo ha assunto impegni che non ha mantenuto verso di essi; ma ha anche preso soldi che la città ha pagato per la Nettezza Urbana e li ha spesi per altre finalità. E con un triplice danno, perché:

1°. non ha pagato gli operatori ecologici a cui quei fondi erano destinati per la legge;
2°. ha violato la norma che sancisce l’obbligo di destinazione delle somme riscosse a titolo di tari;
3°. per compensare i fondi distratti, dovrà attingere al Fondo di solidarietà comunale, come ha promesso per iscritto, facendo venir meno parte dei fondi destinati agli stipendi dei comunali, della SpM, della Multiservizi, delle Cooperative e al pagamento delle imprese che hanno svolto lavori per il Comune. Le ricordo che solo per oneri di discarica l’amministrazione è impegnata, con la Sicula Trasporti s.r.l. di Catania, a erogare un milione e quattrocentomila euro entro l’8 marzo, ed altri 600.000 euro per rate scadute e non pagate tra gennaio e febbraio 2017”.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

8 Commenti

  1. Dott. Castello IN QUESTA CITTà purtroppo con questa amministrazione non funziona piu’ niente. dai vigili urbani all’UTC. ai tributi, tutto allo sbando, non e possibile parcheggiare, il centro storico e preda dei vigili urbani, il territorio è sopraffatto e continuamente distrutto da un ufficio tecnico in palla. Dottoressa CASTELLO, Si occupi del caso del disastroso edificio che si stà costruendo alla fine di via Risorgimento incrocio con la via Balatannuzza che non è affatto conforme alla leggi EDILIZIE ED AL CODICE DELLA STRADA, che impedisce l’allargamento della via Balatannuzza. Strada abbastanza trafficata al transito veicolare dove vi è un Istituto scolastico. Gli scienziati tecnici dell’UTC non si sono affatto preoccupati di un futuro ampliamento della importante strada. Basti vedere che all’inizio della strada che parte dalla via Risorgimento vi è un segnale di divieto al transito di piccoli mezzi pesanti, nonostante questo l’ufficio tecnico non si preoccupa di predisporre un ampliameento di strada in occasione del rilascio dell’autorizzazione di un edificio. IL SINDACO PREOCCUPATO PER LA SUA CAMPAGNA ELETTORALE NON PENSA ALLO SVILUPPO DELLA CITTA. MA AL SUO.

  2. Il soggetto che circola provvisoriamente al Comune ha usato ed usa questi metodi di spostamento di fondi da una sede ad un’altra in barba alle leggi ed in barba ai cittadini (anche quelli che l’hanno votato e che ancora leccano). Quando questo soggetto terminerà di amministrare il Comune di Modica (o qualcuno lo obbligherà a lasciare) avremo una città distrutta finanziariamente e i problemi saranno solo dei cittadini modicani.

  3. @Erbellino : non ci sono le luminarie per carnevale “picchì nun ci sunu l’uocci pi cianciri”! “a pruvili sa sparau tutta” e adesso non ha i soldi per pagare due stipendi arretrati ai comunali, non ha i soldi per pagare i sei/sette stipendi agli operatori ecologici (diceva che la colpa era di Puccia, ora di chi è?), non ha i soldi per pagare tanti fornitori dal 2014 a oggi; quando gli arriveranno gli ultimi trasferimenti statali la banca se li tratterrà perchè ha utilizzato tutto “l’anticipo di cassa” di 22 milioni di euro (+ interessi). A lui interessano i suoi amici che a comando gli scrivono “bravu sinnucu” sulla sua pagina facebook e se qualcuno scrive qualcosa che non gli aggrada, lo cancella!

  4. condivido le parole di filippo, totalmente
    e poi come è finita con al “differenziata”?… a Modica si dorme e nessuno si accorge di niente e domani a lamentarsi come sempre… buonanotte Modica
    mi raccomando, scegliete il prossimo Sindaco fra festaioli e banchettari… magari un grillino “medical”, andrebbe bene con un bagaglio di fotografie di “fossi” e “discariche abusive”, così ci farà vedere come riuscirà a cambiare la testa re muricani…

  5. Caro Ciccio, “la testa re muricani” come dici tu si cambia pian piano con gli effetti della buona amministrazione e la diligenza del buon padre di famiglia, niente di eccezionale! Per quanto riguarda “fossi e discariche abusive”, come dici ancora tu, occorre prendere atto che con questa amministrazione si sono entrambi ridotti, così, magari, il prossimo sindaco avrà più tempo per occuparsi di cose più serie e importanti per valorizzare e rilanciare, da tutti i punti di vista, la nostra bella città, magari con l’aiuto e la collaborazione tua e di tutti i cittadini di buona volontà.
    Cordialità,
    Marcello Medica

  6. Il prossimo Sindaco quindi dovrà occuparsi di cose più serie ed importanti, i fossi sono apposto… bene, ci siamo quasi. Il problemino di oltre 70 milioni di debito al Comune di Modica è una sciocchezza allora, buono a sapersi. Bene magari faremo una colletta. E come dice Ciccio poi faremo tante belle feste, niente di eccezionale dice Medica, sarà un gioco da ragazzi, se lo dice lui. Io comunque voterò il candidato Sindaco M5S, sperando che non candidino un persona del piemonte (dopo il candidato di Vittoria della volta scorsa). Saremo tutti armati di buona volontà, naturalmente niente PD sig. Medica, la moglie ripudiata stia alla larga. Grazie e comunque mi scusino le persone che si sentono offese.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome