Pozzallo. Auto abbandonate sulla pubblica via. Ondata di contravvenzioni e rimozioni forzate da parte dei Carabinieri.

Sette auto rimosse con carro attrezzi ed oltre cinquemila euro di contravvenzioni al Codice della strada elevate. È questo, in sintesi, il risultato del controllo improvviso che i Carabinieri della Compagnia di Modica hanno effettuato nella mattinata di oggi a Pozzallo all’interno dei plessi di edilizia popolare ubicati in piazzale Italia.
Come già accaduto mesi addietro a Modica, le numerose pattuglie di Carabinieri intervenute si sono trovate di fronte ad uno spettacolo tanto insolito quanto preoccupante: decine di auto erano, infatti, parcheggiate in stato di totale abbandono e 7 di queste, oltre a costituire un ostacolo alla circolazione stradale ed un potenziale pericolo per i pedoni, erano prive della prevista assicurazione. Le autovetture, al termine degli accertamenti che hanno portato anche all’elevazione di decine e decine di contravvenzioni per la mancata esposizione del tagliando assicurativo, sono state immediatamente rimosse a mezzo di due carri soccorso liberando spazio utile ai condomini ed ai numerosi bimbi che si riversano quotidianamente nei parcheggi per giocare.
È bene ricordare a tutti che secondo la legge 24 dicembre 1969 n. 990 (e successive modifiche ed integrazioni) relativa all’Assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli e motore e dei natanti “i veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazione su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate se non siano coperti, secondo le disposizioni della presente legge, dall’assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi prevista dall’art. 2054 c.c.

Notizie correlate

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

In primo piano