Share

Sono stati risultati lusinghieri quelli che ha ottenuto l’iniziativa “Cardiologie aperte 2012” che ha coinvolto anche l’Ospedale Maggiore, promossa dall’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri. Ieri, nelle cinque ore previste(9-14) l’Unità Operativa di Cardiologia diretta dal dottore Vincenzo Spadola, ha registrato un’adesione di sessantatré utenti, tutte persone di età media 50 anni. Sono state sottoposte a elettrocardiogramma, pressione arteriosa ed esami di colesterolo e glicemia, circonferenza vita e scheda su familiarità e malattie. Alla fine è stato calcolato l’indice di rischio cardiovascolare globale dal quale si può evincere, eventualmente. la possibilità di ammalarsi entro i prossimi dieci anni. L’equipe della Divisione si ritiene molto soddisfatta dei riscontri ma anche l’utenza ha molto apprezzato l’iniziativa. “Abbiamo ottenuto ottimi risultati – dice soddisfatto il direttore sanitario, Piero Bonomo – a conferma dell’alta professionalità che posso vantare cardiologi e personale infermieristico. Abbiamo rilevato la soddisfazione della gente che, evidentemente, ha apprezzato”.

Print Friendly
Share