SCOPERTO UN GIRO DI SOLDI FALSI A MARINA DI RAGUSA: DUE ARRESTI.

Nella serata di ieri, al termine di accertamenti, militari della Stazione Carabinieri di Marina di Ragusa hanno tratto in arresto in flagranza del reato di spendita di monete falsificate due braccianti agricoli tunisini residenti a Santa Croce Camerina.. Si tratta di Ali Khadoum, 35enne, pregiudicato, e Dergala Sadok, 42enne, incensurato.
I due, verso le dieci di mattina venivano bloccati all’interno dell’ufficio postale di Marina di Ragusa, intenti a versare la somma contante di 2.900 euro per la ricarica di una carta Postepay, suddivisa in 15 banconote da cento e 28 banconote da 50, risultate false, in quanto riportanti il medesimo codice “plate number” (codice alfanumerico di 6 caratteri, rilevabile sul fronte della banconota, in posizione predeterminata per ciascun taglio, es. sui 10 e 20 Euro si trova all’interno di una stella). I militari hanno svolto un’articolata attività d’indagine, culminata in una serie di perquisizioni locali e personali, al fine di verificare la provenienza e l’eventuale disponibilità del contante contraffatto. Le banconote, di ottima fattura, sono state sequestrate e verranno successivamente trasmesse alla Banca d’Italia. I due extracomunitari, al termine delle formalità di rito, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Ragusa e messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Notizie correlate

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

2 Responses to SCOPERTO UN GIRO DI SOLDI FALSI A MARINA DI RAGUSA: DUE ARRESTI.

  1. carmelo scrive:

    però che inteligenza smerciare soldi falsi in un ufficio postale—————–

  2. iabbu scrive:

    eh certo!!! uno con la tuta dell’inter non poteva non smerciare soldi FALSI

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

In primo piano