Mercato ortofrutticolo di Vittoria. “Dissequestrato il primo box”

Depositati i ricorsi al Tribunale della Libertà per il dissequestro dei box a cui sono stati posti i sigilli dalla Guardia di Finanza al mercato ortofrutticolo di Vittoria. Il primo risultato positivo è stato ottenuto da Giovanni Celeste che gestisce il box 51. E’ stato dissequestrato. “Abbiamo passato 36 ore da incubo – dice – ora la giustizia faccia il suo corso. Furono complessivamente quindici gli stand della struttura di Contrada Fanello messi a sigillo dalle fiamme gialle.

Notizie correlate

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

2 Commenti a Mercato ortofrutticolo di Vittoria. “Dissequestrato il primo box”

  1. modicano scrive:

    Ora mi domando: al gestore del box 51 chi gli risarcisce tutto il danno economico con il preventivato sequestro?
    Anche se dovesse chiedere il risarcimento danni, deve mettere un bravo legale, ed il bravo legale costa…parecchio! (altre spese non preventivate)
    Poi…se le cose gli vanno per il verso giusto e gli sara’ riconosciuto il danno…sara’ risarcito minimo minomo fra 5 anni.
    Secondo me, non si possono fare certe operazioni se non c’e’ una vera sicurezza… e senza nessuna responsabilita’. Tanto se verrebbe risarcito, sarebbero con i soldi degli italiani e non del responsabile di chi ha causato il danno!!!

  2. socrate scrive:

    vedo che finalmente qualcuno si avvicina al mio pensiero
    In Sicilia si opera per sequestri e custodie cautelari se ci pensate bene sono le uniche due cose che la mafia non fa .
    Vi rendete conto che con la magistratura in questo modo i siciliani sono al completo di tutto anche di quello che la mafia per principio non ha mai attuato .
    Avanti senza guardare ne a destra ne a sinitra e ci ritroveremo tutti più disperati di prima .

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

In primo piano