Ragusa, Madonna del Rosario, benedetto il frumento, si ripete un rito dalle antiche tradizioni. Da domani si celebrano le giornate del fanciullo e dell’ammalato

0
93

Una tradizione che affonda le radici nella civiltà contadina. Quando l’economia rurale era predominante. E, in questo periodo, i lavoratori della terra si raccomandavano alla Madonna del Rosario affinchè l’annata del raccolto potesse risultare proficua. E’ lo stesso spirito che ha animato, ieri pomeriggio, nella chiesa dell’Ecce Homo, nel centro storico di Ragusa superiore, la caratteristica benedizione del frumento tenutasi dopo la cerimonia eucaristica celebrata da don Roberto Asta e animata dalla comunità del Preziosissimo sangue. I sacchetti contenenti il frumento, raccolti in un cesto, sono stati portati all’altare dove, nel corso della celebrazione, si è provveduto alla benedizione e, subito dopo, alla conseguente distribuzione ai fedeli. “Il significato di questo rito – spiega il parroco, don Carmelo Leggio – si ritrova nella necessità di benedire la vita lavorativa di ciascuno affinchè possa essere proficua di risultati spirituali come il frumento che garantiva un raccolto positivo dopo essere stato benedetto dalla Madonna”. E’ stato, quello di ieri, uno dei momenti più significativi dei festeggiamenti programmati dalla parrocchia e che dureranno per tutta la settimana sino alla festa esterna di domenica 9 ottobre.
Le iniziative in onore della Madonna del Rosario proseguono, intanto, anche domani, martedì 4 ottobre. In programma, infatti, la giornata del fanciullo e, alle 17,30, in piazza Solferino, a tenere banco sarà l’incontro con tutti i ragazzi della parrocchia. Alle 18,30, poi la recita del Rosario che anticiperà di mezz’ora la celebrazione della santa messa che sarà presieduta da don Corrado Garozzo. Per l’occasione, è prevista anche l’apertura dell’anno catechistico e dell’anno pastorale per i ragazzi. Mercoledì, invece, si celebra la Giornata dell’ammalato. Alle 16 ci sarà la messa celebrata da don Carmelo Leggio rivolta ad anziani, ammalati e persone sole. Dopo la recita del Rosario, delle 18,30, un’altra funzione religiosa sarà tenuta dal frate cappuccino Enzo La Porta e animata dal gruppo di preghiera di Padre Pio. Sempre mercoledì, ma alle 20, la compagnia “Teatro in famiglia” metterà in scena una commedia dialettale in due atti, dal titolo “La truffa non paga”. Giovedì, 6 ottobre, alle 18,30 il Rosario, subito dopo la messa celebrata da don Raffaele Campailla e animata dalla comunità Maria Santissima Nunziata. In serata, poi, una novità assoluta. Cioè la prima rassegna dei cori parrocchiali della città di Ragusa sul tema “Noi cantiamo Maria – La figura della Vergine Santissima attraverso la musica, i canti e la poesia”.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome