Modica AltArte Festival. Il successo di tutti per il rilancio di Modica Alta

1
198

Il bilancio della prima edizione di Modica AltArte Festival è stato tracciato, stamani, nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella Sala “G:Spadaro” di Palazzo San Domenico presenti il Sindaco, Antonello Buscema, il suo vice Enzo Scarso, il presidente del centro commerciale naturale Francavilla, Paolo Failla, e la segretaria Tiziana Pedriliggieri, il presidente della società di Mutuo Soccorso Carlo Papa, Meno Rosa, il direttore artistico della manifestazione Andrea D’Amico e le rappresentanti dell’associazione “Bau setti” Nausica Zocco e Tiziana Spadaro.
Il consuntivo di questa manifestazione è stato unanimemente giudicato positivo per due ordini di motivi: per la prima volta l’iniziativa sinergica di enti pubblici e privati ha organizzato un contenitore di intrattenimento di qualità per la parte Alta della Città; il tessuto sociale di Modica Alta si è aggregato, partecipando positivamente, in modo mirabile, al contesto della Città intera potendo offrire il meglio degli spazi a disposizione.
Ed è questa la filosofia vincente dell’iniziativa sulla cui seconda edizione si comincerà a lavorare presto perché è intento dell’amministrazione e degli enti privati metterla nel calendario degli appuntamenti del programma cittadino.
“La risposta del territorio, commenta il vice Sindaco, è stata straordinaria superando le migliori previsioni. Il modello che abbiamo sperimentato a Modica Alta potrebbe essere esportato in altre aree della Città e con successo solo se gli enti privati preposti agirebbero con la stessa passione ed intensità di quelli di Modica Alta. Per l’dizione del prossimo anno faremo tesoro dell’esperienza di quest’anno per rendere un festival migliore e sempre più appetibile.”
L’amministrazione, del resto, intende puntare, al di là dell’evento festival a Modica Alta proponendo una serie di investimenti utile a vivacizzarne il tessuto sociale.
“ L’apertura e la gestione della fruizione della Chiesa di Santa Maria del Gesù e dell’annesso Chiostro, dichiara il Sindaco Buscema, è già un fondamentale punto di inizio per il rilancio turistico di quest’area della Città. Tra non molto sarà riaperta al culto la Chiesa di San Giovanni; la Via Morana che porta al Pizzo sarà dotata di basole; liberemo l’area del serbatoio di Santa Teresa per farne una piazza con posteggio e presto andrà in appalto l’Albergo dei Poveri” che diventerà punto focale della vita associativa di Modica Alta. A Palazzo De Naro Papa sarà poi allocata la delegazione comunale. Tutte condizioni per poter migliorare la qualità della vita in quest’area importante della Città.”

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome