Occupa la casa della zia. Modica, scatta la condanna

Aveva litigato con il padre e non avendo dove andare a vivere aveva occupato l’abitazione di una zia che in quel periodo si trovava in Francia. Un’occupazione abusiva e arbitraria che lo ha costretto a subire un processo penale celebrato dal giudice monocratico del Tribunale di Modica, Antongiulio Maggiore, che lo ha condannato ad un mese di reclusione e centocinquanta euro di multa, pena sospesa, nonostante il suo difensore, l’avvocato Ignazio Galfo, avesse puntato sull’assoluzione riconducendo la sua arringa sullo stato di necessità. L’imputato e Giuseppe Battaglia e i fatti sarebbero stati denunciati il 10 novembre del 2008 ai carabinieri. Il giovane ha spiegato al magistrato, vivendo con la sua famiglia nella casa del padre, a seguito di un diverbio con quest’ultimo, era stato costretto a fare armi e bagagli e a lasciare quell’abitazione perchè il genitore “lo aveva buttato fuori”. Era andato a risiedere, pertanto, nell’abitazione della zia, Nicole Delmas, della quale aveva le chiavi. “Me le aveva date mio padre – ha spiegato – e quando ho detto di non sapere dove andare, lui stesso mi ha suggerito di andare nell’abitazione della zia giacchè questa non risiedeva in città. Con me c’erano mia moglie e i due bambini”. Il pubblico ministero, Diana Iemmolo, aveva chiesto una condanna di natura pecuniaria visto che aveva proposto una pena di ottanta euro.

Notizie correlate

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

In primo piano